Vai al contenuto
Lo stile di vita sostenibile

Affrontare la crisi con uno stile di vita sostenibile

Condividi L'articolo su

In relazione alla crisi attuale, lo stile di vita sostenibile si sta rivelando essere uno strumento resiliente molto potente.

Lo stile di vita sostenibile, secondo quanto fotografato dall’EY Future Consumer Index, è sempre più apprezzato da più consumatori. Infatti, il 74% si preoccupa per il Pianeta e il 65% acquista prodotti a basso impatto ambientale puntando al risparmio. Nuovi comportamenti e modi di fare, innescati dall’elevato sentore dei pericoli climatici che, potrebbero implodere da un momento all’altro.

L’instabilità economica, sociale e geopolitica incentiva uno stile di vita sostenibile

Dopo il periodo pandemico e l’attuale guerra tra Ucraina e Russia, la situazione attuale è caratterizzata da instabilità economica, sociale e geopolitica. Contesto che ha contribuito ad accrescere la preoccupazione dei cittadini italiani, specialmente nella generazione dei baby boomer, soprattutto nei confronti della fragilità del pianeta. Infatti, il 63% si aspetta che il cambiamento climatico peggiorerà nei prossimi sei mesi. Di conseguenza cresce anche l’attenzione alla sostenibilità, infatti, si consuma meglio, invece che di più. Acquistare e comportarsi in modo più sostenibile sia un principio fondamentale della propria vita, tanto che il 65% dei cittadini acquista a basso impatto ambientale. Il segmento più impegnato sulla sostenibilità rimane il più numeroso sia nella generazione X (dove è il 33%), sia nelle generazioni più giovani (Gen Z col 33%) e in particolare, per i millennial, dove rappresenta il 39%.

Lo stile di vita sostenibile
Lo stile di vita sostenibile resiliente alla crisi climatica – shutterstock Maridav

Lo stile di vita sostenibile e i comportamenti virtuosi

La crisi climatica ha innescato un’accelerazione nei comportamenti virtuosi a basso impatto ambientale. Infatti, si sta assistendo ad un limitato consumo di latticini e di carne, dal 45% al 50%, ad un ridotto utilizzo dei mezzi pubblici, dal 51% al 56%, e a comportamenti messi in atto per attuare un risparmio di energia e acqua (92%), riciclare i prodotti dopo l’uso (88%), non usare l’auto per viaggi brevi (52%), ridurre le emissioni e i viaggi aerei e in generale acquistare in base all’impatto ambientale ed etico dei prodotti. Pochi i comportamenti in controtendenza in Italia, come una dieta a base vegetale, scelta solo dal 21% di italiani, contro il 29% europeo, e il compostaggio dei prodotti con il 38% in Italia, contro il 55% europeo.

Lo stile di vita sostenibile
Lo stile di vita sostenibile resiliente alla crisi climatica – shutterstock Netrun78

Experience di consumo tendenza in crescita: marketing sostenibile

Oggi il marketing sta divenendo sempre più rispondente alla realtà. Ovvero le aspettative riposte nell’offerta delle aziende sono soddisfatte grazie all’aumento dell’auto-responsabilità. Dai dati rilevati dalla ricerca, infatti, merge anche come siano gli italiani stessi a dare alle aziende la responsabilità e il compito di guidare iniziative che portino a privilegiare comportamenti con impatti positivamente sostenibili per l’ambiente e la società (75% in Italia e il 70% nel mondo).

Lo stile di vita sostenibile
Lo stile di vita sostenibile resiliente alla crisi climatica – shutterstock Kampan

È possibile richiedere la copia completa dell’EY FUTURE CONSUMER INDEX sul sito ufficiale della società.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News