Il video choc contro la movida della Regione Veneto: “Una svista e tutto tornerà a fermarsi”

“Basta una svista, una leggerezza e tutto tornerà a fermarsi”. Si tratta del messaggio di uno spot della Regione del Veneto, pubblicato dal governatore Luca Zaia.

Dura meno di un minuto il video  che inizia con immagini di festa ed allegria, giudicate però pericolose, nei comportamenti a rischio contagio, con gli aperitivi di piazza, che abbiamo visto diffondersi un po’ in tutto il Paese. Così ieri la Regione del Veneto ha presentato il video che sta per essere  diffuso su tutti i social.

Nelle prima parte, i volti allegri dei ragazzi nel rito dello spritz, con assembramenti e poche mascherine, nella seconda le immagini dei degenti ancora  bloccati in terapia intensiva, seguite dal claim: “il Covid-19 si combatte in ospedale, ma soprattutto fuori”

Il video non intende colpevolizzare direttamente i giovani, ma invita tutti ad adottare il proprio senso di responsabilità. A pensare all’importanza del rispetto  delle regole elementari per contenere la diffusione del coronavirus. Basta una mano su una spalla, un bacio sulla  guancia, una risata senza mascherina, una stretta di mano per diffondere l’infezione. Immagini che immediatamene cambiano per lasciare posto ai malati di Covid-19 attualmente ricoverati in ospedale e intubati in una lotta contro la vita. Immagini di forte impatto su cui compare la domanda: “Happy hour?”

Gli assembramenti legati alla movida notturna e dell’ora dell’aperitivo hanno costretto le amministrazioni italiane, comunali e regionali a prendere decisioni, spesso impopolari, che non avrebbero dovuto applicare se ci fosse stata  un  po’ più di responsabilità civile da  parte di tutti.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by