Vai al contenuto
reddito energetico

Reddito energetico 2023: come avere l’impianto fotovoltaico con contributi a fondo perduto?

Condividi L'articolo su

Il Reddito energetico e i bandi per i finanziamenti a fondo perduto sono messi a disposizione dalle varie Regioni Italiane.

Con il 2023 sono tanti i contributi a fondo perduto, come il reddito energetico, che permettono alle famiglie a basso reddito di installare un impianto fotovoltaico a costo zero. In particolare, questi finanziamenti messi a disposizione dagli enti locali permettono alla misura di autofinanziarsi poiché l’energia prodotta in eccesso è destinata alle Regioni e ai Comuni auto alimentando il sistema.

Negli scorsi mesi si è parlato tanto della Regione Puglia, che ha concesso il Bonus Fotovoltaico. Tra le ultime novità, sono pronte a partire con i finanziamenti anche il Lazio e la Sardegna. Ma in cosa consiste il reddito energetico 2023?

reddito energetico
Il reddito energetico per l’installazione dell’impianto fotovoltaico – pexels-william mead

Reddito energetico 2023, come funziona?

Il reddito energetico 2023 è un incentivo a carattere regionale, pensato per finanziare l’installazione di impianti di energia da fonti rinnovabili, come i pannelli solari e fotovoltaici. Inoltre, chi usufruisce di questo incentivo ha il diritto all’autoconsumo, ovvero può consumare gratuitamente tutta l’energia necessaria al sostentamento della propria abitazione. Tuttavia, è bene sapere che il reddito energetico non può essere cumulato con altre agevolazioni statali, regionali o europee in materia di energia.

Per accedere al beneficio sono previsti dei limiti reddituali Isee e si deve garantire anche un tempo minimo di funzionamento dell’impianto stesso. Inoltre, una volta accettata la richiesta per poter usufruire del contributo, il beneficiario dello stesso, è chiamato a sottoscrivere una convenzione con il GSE. La convenzione prevede:

  • l’attivazione del servizio di scambio dell’energia elettrica prodotta sul posto,
  • l’autoconsumo e la cessione dei crediti maturati al GSE della Regione.
reddito energetico
Il reddito energetico per l’installazione dell’impianto fotovoltaico – pexels pixabay

L’agevolazione attiva in Sardegna e Lazio

Alcune Regioni italiane sono già pronte a partire con l’erogazione del fondo perduto.

In Sardegna, per esempio, l’agevolazione è riservata ai proprietari di villette, unità abitative indipendenti, e appartamenti che rientrano in un condominio. In quest’ultimo caso, però, l’installazione è consentita oltre che sulle idonee superfici comuni, anche sulle parti di proprietà individuali. In questo ultimo caso però, i crediti maturati, poi, andranno al Gse Sardegna. Nello specifico in Sardegna, per i limiti di reddito saranno favorite le famiglie maggiormente disagiate e l’indicatore economico sarà stabilito successivamente dalla Giunta regionale.

Invece, in Lazio l’ISEE è già stabilito. Infatti, possono usufruire dei 2 milioni di euro stanziati per il 2024 e degli altri 5 milioni stanziati per il 2024 tutti quelli che non superano la soglia massima di 35.000 euro. Inoltre, il reddito energetico 2023 andrà a coprire le spese per:

  • acquisto;
  • installazione;
  • connessione;
  • manutenzione;
  • esercizio;
  • assicurazione degli impianti.

In ogni caso, chi beneficerà del fondo perduto, dovrà garantire il funzionamento dell’impianto per almeno 20, arco di tempo in cui l’impianto non potrà essere dismesso.

reddito energetico
Il reddito energetico per l’installazione dell’impianto fotovoltaico – pexels kindel media

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sulle tendenze, consigli e idee sulla casa e il giardino continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News