Il New York Times mette l’Italia tra i primi 10 paesi da visitare per vacanze post Covid-19

La celebre testata  americana fondata  nel 1851 inserisce il nostro Paese tra le 10 migliori destinazioni turistiche da visitare appena terminata l’emergenza 

[nella  foto  il grattacielo della The New York Times Company,
progettato  da Renzo Piano, in una  foto di Erika Cross]

Una ventata  di ottimismo arriva proprio da oltreoceano.  I giornalisti americani sono da sempre  affezionati all’Italia, per le sue numerose ricchezze naturali, ma soprattutto per le città d’arte, l’architettura,  il design, la moda e il buon  cibo.

 

L’Italia dunque viene inserita tra le dieci destinazioni da visitare per le vacanze del dopo Covid. Il New York Times mette in testa la Costiera Amalfitana, tra le località che non sono sono state particolarmente colpite dai contagi da coronavirus.

 

 

L’articolo della celebre testata USA è stato pubblicato l’8 maggio scorso e riporta il titolo The First Signs of Travel’s Return?, prevedendo le date di fine lockdown, e disegnando gli  itinerari delle possibili riaperture, indicando  anche quali potrebbero essere le difficoltà che i turisti potranno incontrare.

 

L’autrice, Lauren Sloss, spiega nell’articolo come  “pochi paesi siano stati colpiti più duramente da Covid-19 dell’Italia (gli Stati Uniti sono una notevole eccezione), che dal 6 maggio ha visto oltre 200.000 casi e circa 30.000 morti. Mentre il paese inizia con cautela a riaprire, i funzionari del turismo insistono sul fatto che il turismo in Italia ricomincerà quest’anno.

 

“C’è una data di apertura?”  – si chiede la giornalista – “A seguito delle recenti aperture limitate di alcuni stabilimenti, sono previste ulteriori aperture per il 18 maggio, vale a dire ulteriori negozi, musei e biblioteche, e da giugno, quando i bar e i ristoranti potranno riaprire per il servizio di ristorazione, se i tassi di infezione continueranno a rilento”.

 

 

L’autrice si  chiede anche quali siano le attuali restrizioni 

“Questa settimana, il blocco dell’Italia, iniziato il 10 marzo, ha iniziato lentamente a sollevarsi, con la riapertura dei parchi insieme a bar e ristoranti da asporto. Ad alcuni italiani è permesso tornare al lavoro e mentre le riunioni di gruppo sono ancora vietate, sono consentite visite in famiglia.

“Sono necessarie mascherine, anche per le visite familiari di cui sopra. Le scuole dovrebbero rimanere chiuse fino a settembre”.


Quali sono gli ostacoli principali secondo il NYT?

“Ancora una volta, la necessità di bilanciare le considerazioni sulla salute e una disperata necessità di rilanciare l’economia. L’economia già sofferente dell’Italia ha subito un colpo enorme dopo quasi due mesi di arresto e un calo del 95 percento del turismo (l’industria turistica nazionale prevede quest’anno 20 miliardi di euro di perdite dal turismo rispetto al 2019)”.

Oltre all’Italia, i paesi consigliati dal New York Times per una vacanza “Covid free” sono Australia e Nuova Zelanda, Grecia, Puerto Rico, Islanda, Messico, Francia, Singapore e Hawaii.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • L’edificio sede della società sede del New York Times (che possiede anche l’International Herald Tribune, il Boston Globe, il Press Democrat, 15 altri giornali e più di 50 siti web) è stato progettato dall’architetto italiano Renzo Piano.
  • L’Eurostat evidenzia che l’Italia è la prima destinazione europea per turisti provenienti dagli Stati Uniti: 11 milioni di americani ogni anno. L’Italia inoltre è la seconda meta, dopo la Gran Bretagna, per gli studenti americani.
  • L’Italia è tra le mete preferite dagli americani: le sue bellezze piacciono così tanto ai turisti che risulta essere il Paese più fotografato al mondo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.