Grandi spazi esterni, cabina armadio e studio: ecco cosa vorrebbero gli under 36 italiani nella loro casa ideale

Condividi L'articolo su

Il sondaggio di Berkshire Hathaway HomeServices rivela che i giovani ambiscono a una comoda casa in città, attenta all’ambiente e fornita di grandi spazi esterni.

Le luci e i profumi del Natale allietano in questo periodo le nostre case, portando con sé un’atmosfera magica, nonché tante novità interessanti. È di qualche giorno fa la notizia che il governo ha deciso di prorogare di un anno il Bonus Casa, manovra dedicata ai giovani italiani under 36 che intendono acquistare la loro prima casa. 

Ma prima di scontrarsi con la realtà cosa vorrebbero davvero, se potessero pensare solo ai loro desideri, i ragazzi under 36 che abitano in Italia? Berkshire Hathaway HomeServices, network globale di intermediazione che opera in Italia in partnership con Maggi Properties, lo ha chiesto ai diretti interessati: ecco cosa scriverebbero nella loro personale lettera a Babbo Natale. 

La città come prima scelta 

Ci sono desideri che non cambiano con l’età: giovani e meno giovani chiederebbero una casa in città che, per le sue comodità e la possibilità di raggiungere in fretta il luogo di lavoro, supera di molto la voglia di quiete che può regalare la campagna e persino il profumo di una località marittima. È un trend che si conferma soprattutto dai 26 anni in su, complice l’inizio dell’attività lavorativa più intensa e il bisogno di comodità: il 73% sogna di svegliarsi ogni mattina in mezzo alle vie dei grandi centri italiani

Lo stile urban vince dunque per questioni pratiche, che vedono protagonisti anche cultura (59%), mezzi di trasporto ben funzionanti (45%) e la possibilità di accedere a un maggior numero di eventi (41%), rispetto ai più grandi per i quali la movida in generale perde il suo fascino. 

Le città più desiderate 

Milano e Roma si confermano le città più desiderate. Se Milano viene scelta soprattutto per l’offerta di lavoro, Roma attrae per la sua capacità di unire opportunità di business e maestosa bellezza. A pochi chilometri dal mare, la città eterna permette di godere delle comodità e degli eventi che una grande città può donare unitamente al relax di una fuga alle porte del centro.  

“Roma è sempre più richiesta dai grandi investitori stranieri dopo il boom di Milano a seguito di eventi quali l’EXPO”, afferma Marcus Benussi, Managing Partner & General Counsel di Berkshire Hathaway HomeServices MAGGI Properties. “La Capitale è vista con grande interesse dai fondi di investimento e dagli imprenditori nazionali ed interazionali, attenzione confermata anche dal flusso di capitali da parte di catene globali di prodotti, servizi e ospitalità. Non stupisce quindi constatare che sia tra le città più desiderate dagli utenti per l’acquisto di una casa di proprietà”. 

A cosa pensano i giovani prima di acquistare casa? 

Quali sono dunque le caratteristiche che dovrebbe avere una casa per convincere i giovani ad acquistarla? Innanzitutto, sia gli under 36 sia i più grandi concordano sulla posizione: in una vita sempre più frenetica, uscire dalla propria porta e trovarsi vicino ai servizi fondamentali viene considerato un asset indispensabile. 

Nella fascia dai 31 ai 36 anni, poi, per il 93% degli intervistati la classe energetica è importante o molto importante, un dato che fa molto ben sperare in un futuro che vede un pianeta pulito e sano, guidato da una classe dirigente consapevole ed eco-friendly. E con l’età crescono tante altre consapevolezze: Babbo Natale si ritroverebbe sulla scrivania al Polo Nord tante missive in cui la casa dei sogni ha spese di gestione sostenibili, posizione condivisa dagli intervistati dai 36 anni in su.  

Beata gioventù: al 50% dei ragazzi sotto i 25 anni che pensano alla casa ideale non importa né della dimensione né del numero di camere, dato che invece aumenta esponenzialmente man mano che si sale con l’età, fino ad arrivare nella fascia dai 37 agli oltre 54 con un riscontro dell’oltre 90%. 

Elemento principe nell’acquisto di una casa è il prezzo di vendita, importante per quasi l’unanimità degli intervistati, così come la tipologia dell’investimento. Sia i più giovani che gli adulti opterebbero per una casa che possa essere facilmente rivendibile. 

Grandi spazi esterni, cabina armadio e studio: ecco cosa vorrebbero gli under 36 italiani nella loro casa ideale

Grandi spazi esterni, cabina armadio e studio: ecco cosa vorrebbero gli under 36 italiani nella loro casa ideale -Shutterstock di
Followtheflow

L’immobile ideale per gli under 36

Secondo gli under 36 una casa di proprietà dovrebbe necessariamente avere un’apertura esterna: l’87% dei ragazzi chiederebbe infatti un balcone, dato che conferma l’incredibile impatto della pandemia sul nostro stile di vita, che oggi cerca un equilibrio maggiore tra la necessità di stare più tra le mura domestiche e avere un rapporto con l’ambiente che ci circonda.  

Posto auto (33%), studio (30%) e lavanderia (27%) seguono i desiderata dei giovani italiani.  

Il balcone rimane fondamentale anche tra gli adulti, che a differenza dei più giovani sottolineano l’importanza del garage di proprietà (57%) e di un ripostiglio/lavanderia (43%).    

E se Babbo Natale chiedesse di scatenare la fantasia senza pensare al budget?

I giovani e meno giovani hanno il sogno comune di acquistare una casa in posizione comoda, con grandi spazi esterni e dimensioni ampie. Oltre al giardino, che fa sospirare l’80% dei ragazzi è l’85% degli adulti, immaginare di avere uno studio (a cui aspira il 43% degli under 36) o la grande comodità di una cabina armadio (50%) è il non plus ultra – anche se un buon 37% sogna di avere in casa una spa con piscina e il 25% eviterebbe volentieri di uscire per fare sport, se potesse far spuntare nella propria dimora una bella palestra con tutti i comfort. E dato che la fantasia è concessa, perché non pensare a un’abitazione completa di domotica di ultima generazione (28%) o una stanza cinema (18%)? 

In fondo, anche se non si scrive più a Babbo Natale, dentro ogni adulto rimane un bambino pronto a sbucare dal suo nascondiglio quando gliene si dà possibilità: dopo i 36 anni fa capolino, oltre alla gioia di avere tra le mura domestiche un bagno aggiuntivo, una stanza dedicata ai figli e ai loro giochi perché si sentano liberi di sfogare la loro creatività, ma anche una dispensa ad hoc come nelle ville americane. 

Fonte Berkshire Hathaway HomeServices

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da