Vai al contenuto
Disastri naturali

Giornata internazionale per la riduzione dei disastri naturali 2022

Condividi L'articolo su

Incendi, alluvioni, tornado sono alcuni dei disastri naturali che minacciano il pianeta con sempre maggiore vigore e frequenza.

La Giornata internazionale per la riduzione dei disastri naturali è stata istituita dall’Onu nel 1989. Con essa si vuole ricordare quanto l’impegno delle singole persone e delle intere comunità sia fondamentale per ridurre le catastrofi naturali.

I dati del rapporto sui disastri naturali

Secondo l’ultimo rapporto sui disastri naturali, pubblicato quest’anno, i fenomeni distruttivi sono in aumento. Nel ventennio dal 2000 al 2019 le catastrofi ambientali sono praticamente quasi raddoppiate. Il rapporto parla di ben 7.348 gravi eventi catastrofici avvenuti nel mondo e responsabili della morte di 1,23 milioni di persone. Inoltre solo lo scorso anno ben 30,7 milioni di persone sono state sfollate a causa di tali eventi estremi.

Disastri naturali
Giornata internazionale per la riduzione dei disastri naturali 2022 – UNSPLASH

Cosa fare per contrastare e ridurre i disastri naturali?

La primissima causa dell’intensificarsi dei disastri ambientale è il cambiamento climatico. All’aumentare dell’uno inevitabilmente l’altro diventa più frequente. Per questo motivo contrastare le crisi climatica equivale a ridurre anche i disastri naturali. Emissione di gas serra, deforestazione, sfruttamento delle riserve minerarie e idriche e più in generale alcune attività dell’uomo sono fortemente implicate nel cambiamento del clima. Perciò trasformare quest’ultima in comportamenti che siano più rispettosi dell’ambiente è fondamentale e necessario per ridurre tutti quei fattori che aumentano il rischio che si verifichino eventi estremi.

Le catastrofi ambientali comportano serie ripercussioni sul pianeta, sulle persone e anche sull’economia, per questo diffondere consapevolezza all’importanza di contenere tali rischi è molto importante. Iniziare ad adottare atteggiamenti volti alla sostenibilità attraverso le proprie azioni quotidiane può fare la differenza.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo un recente report dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) in Italia nel 2021 sono andati in fumo il triplo degli ettari di territorio del 2020. Le regioni più colpite sono state la Calabria, la Sicilia e la Sardegna. Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021 è bruciata una superficie pari allo 0,5% del territorio nazionale, ovvero grande quanto il Lago di Garda.
  • Dall’analisi degli ultimi vent’anni è risultato che il 40-50% del territorio italiano colpito dagli incendi era costituito da foreste.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News