Vai al contenuto
Generazione Z sviluppo sostenibile

I valori della Generazione Z in relazione allo sviluppo sostenibile

Condividi L'articolo su

Secondo il sondaggio condotto da Dell il 60% della Gen Z è disposto a compiere alcuni sacrifici per lo sviluppo sostenibile

La maggiore disponibilità della Generazione Z a compiere sacrifici per lo sviluppo sostenibile dimostra quanto i giovani siano pronti ad accettare limitazioni economiche a breve termine, come una minore crescita economica del PIL, a favore di una politica caratterizzata da una strategia green a basso impatto ambientale, messa a punto per raggiungere in futuro livelli energetici positivi. Ciò grazie anche al saggio utilizzo della tecnologia, che per il 90% degli intervistati, rivestirà un ruolo di fondamentale importanza nella lotta alla crisi climatica.

Generazione Z sviluppo sostenibile
Generazione Z e sviluppo sostenibile l’appello dei giovani – pexels polina tankilevitch

La situazione nel resto del mondo

I risultati del sondaggio Future-Proof condotto da Dell Technologies evidenziano come la percentuale italiana sia molto più alta rispetto alla media globale, pari al 47% e anche a quella di altri Paesi europei, come Germania (47%), Francia (44%), Spagna (46%) e Inghilterra (41%).

In particolare, lo studio è stato svolto su un campione rappresentativo di adulti nella fascia d’età 18-26 in 15 Paesi del mondo e focalizzato sulle strategie di ripresa sociale ed economica, che secondo gli intervistati rappresentano reali priorità, ovvero:

  • gli investimenti in energia sostenibile (55%),
  • l’abilitazione di un’economia circolare (52%).

Tuttavia, la fiducia della Generazione Z nel fatto che il recupero degli investimenti nel settore pubblico possa portare a un’economia fiorente entro i prossimi dieci anni è bassa (29%).

Generazione Z sviluppo sostenibile
Generazione Z e sviluppo sostenibile l’appello dei giovani – pexels yaroslav shuraev

Generazione Z e sviluppo sostenibile: competenze digitali

Risultati interessanti dello studio sono anche quelli che riguardano il tema delle competenze digitali. Secondo gli intervistati la formazione scolastica presenta carenze e lacune in relazione al tema delle competenze digitali. Basti pensare che circa il 14% ritiene di non aver ricevuto alcuna istruzione in ambito tecnologico e digitale. Inoltre, un giovane italiano su due (50%) sostiene che la scuola (sotto i 16 anni) non li abbia preparati adeguatamente con le competenze tecnologiche necessarie per intraprendere la carriera desiderata. Pertanto, il 27% del campione intervistato ha affermato che rendere obbligatori i corsi di tecnologia fino a 16 anni invoglierebbe i giovani a intraprendere carriere più orientate a tematiche digitali e colmerebbe il gap culturale nell’ambito delle competenze digitali.

Generazione Z sviluppo sostenibile
Generazione Z e sviluppo sostenibile l’appello dei giovani – pexels cottonbro studio

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News