Coronavirus: l’aiuto arriva dalla Cina. Jack Ma dona all’Italia 500.000 mascherine

Parliamo del  fondatore di Alibaba che insieme ad altri imprenditori si sono mossi per sostenere i paesi più colpiti dalla pandemia: Italia tra i primi.

Questo è il momento di agire, e sono molte le iniziative messe in campo  da aziende straniere che  stanno orientando fondi e materiale sanitario all’Italia durante questi drammatici giorni  con  il coronavirus.

Tra le prime aziende ad  attivarsi negli  aiuti  la Xiaomi, multinazionale   cinese della telefonia, attraverso la Fondazione Jack Ma, cofondatore di Alibaba (il sito concorrente di Amazon su terreno cinese),  ha spedito a Roma numerosi kit per diagnosi rapide e  mezzo milione di mascherine.

XiaomiHangzhouStore
Un negozio Xiaomi ad Hangzhou, Zhejiang

.

“La pandemia che affrontiamo oggi non può più essere risolta da nessun singolo paese”, ha detto Ma in una dichiarazione pubblicata su Twitter. “Non possiamo battere questo virus a meno che non eliminiamo i confini delle risorse e condividiamo il nostro know-how e le lezioni guadagnate duramente”. Gli Stati Uniti sono rimasti indietro rispetto agli altri paesi per testare il coronavirus.

Il contributo di Ma non si ferma qui: egli stesso ha annunciato che donerà 500.000 kit di test per il coronavirus, e un milione di maschere agli Stati Uniti, auspicando nel frattempo  la cooperazione internazionale per combattere la crisi sanitaria in corso.

 

 

 

 

Credits  Photo: Foundations World Economic Forum  / CC BY (https://creativecommons.org)

 

Coronavirus, da Armani ai Ferragnez gli ospedali ricevono aiuti

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Jack Ma ha avviato Alibaba nel 1999 e ha contribuito a farla diventare un’azienda da 420 miliardi di dollari.
  • Ma è una tra le persone più ricche del pianeta. 55 anni appena compiuti, si trova al 21° posto nella lista degli uomini più ricchi, con un patrimonio netto stimato di 39 miliardi di dollari.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.