Casa sostenibile container: un’idea nuova per un’abitazione ecologica

Due designer hanno progettato la loro personale casa sostenibile container in un modo davvero unico. Amy Plank e Richard Vaughan, infatti, designer dell’azienda specializzata in case modulari Modhouse, con sede in Australia, hanno creato una casa su container.

Quanto costa costruire una casa in legno? Architettura e bioedilizia

Casa sostenibile container: un’idea che parte qualche anno fa

Durante un viaggio del 2015 a Londra e in Cornovaglia, i due designer si sono messi a riflettere sull’idea di casa. Desiderando una casa in linea con le proprie esigenze ma cercando di evitare una casa grande e molti debiti, hanno così deciso di progettare una casa container che permettesse loro di vivere la vita con semplicità.

“L’utilizzo di container è in circolazione da un po’ di tempo, ma in Modhouse ci sentiamo come se avessimo portato il livello successivo. Con caratteristiche sostenibili, finiture esteticamente gradevoli e layout ben progettati, possiamo progettare e costruire una piccola casa che si adatta a tutte le esigenze”, si legge sul sito web dell’azienda. Si tratta di una casa compatta, sostenibile e redditizia in una tenuta di due acri in South Gippsland, Victoria.

casa sostenibile container - casa green

Casa sostenibile container: un’idea nuova per un’abitazione ecologica – Shutterstock196222259 di weedezign

Com’è strutturata la casa sostenibile container Modhouse

Nonostante sia di appena 50 mq, il design e il comfort non mancano. La casa, infatti, è costruita da tre container di quasi 18 m2 ciascuno. I tre spazi indipendenti sono collegati da due corridoi, con la zona lavanderia e un ripostiglio. L’esterno è coperto da un rivestimento in vernice e cenere d’argento che circonda le finestre e le porte. La casa ha anche un’ottima classificazione energetica.

Ci sono tre strati di isolamento tra il colore e le pareti del container e altri tre strati tra quello e le pareti interne. Altri due livelli isolanti sono presenti sia sul pavimento che sul soffitto. Con un sistema di raccolta dell’acqua piovana, si raccoglie l’acqua in grandi serbatoi sul retro della casa e i pannelli solari alimentano la rete principale.

La scelta dei materiali è sostenibile, infatti questi sono stati scelti a basso impatto, come il legno certificato FSC, senza formaldeide e con un sigillante naturale su pareti e pavimenti, provenienti dal mercato locale.

A contatto con la natura

L’idea era anche quella di armonizzare la casa con l’ambiente circostante, infatti all’esterno è stata dipinta in tonalità di grigio. All’interno sono state scelte pareti e soffitti in compensato e pavimenti in rovere della Tasmania. Dall’esterno è difficile capire che la casa è costruita con dei container perché il modello sfalsato dei contenitori ha semplicemente creato un’architettura accattivante.

Case in bioedilizia: pro e contro

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’Italia è al quarto posto in Europa per produzione di edifici prefabbricati in legno con in vetta il Trentino Alto Adige seguito da Veneto e Lombardia.
  • Gli edifici realizzati con materiali sostenibili sono stimati in 3.147, a questi si aggiungono 276 edifici non residenziali. Tra le nuove costruzioni, 1 su 14 è realizzata in bioedilizia di legno, circa 7,1% del totale.
  • Il mercato della bioedilizia in Italia nel 2019 ha prodotto 724 Milioni di euro di fatturato con una crescita del 5% rispetto all’anno precedente.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it