Vai al contenuto
Risarcimento mutui e tassi manipolati

Mercato immobiliare in ribasso: ecco cosa sapere sul calo mutui

Condividi L'articolo su

Il Consiglio nazionale del Notariato ha condotto un indagine in merito all’andamento del mercato immobiliare del primo semestre 2023. Il rapporto ha evidenziato un calo mutui e compravendite in tutto il Paese. Ecco cosa sapere nello specifico.

Calo mutui e mercato immobiliare in Italia: ecco cosa è emerso dal rapporto notai

Secondo il rapporto condotto dal Consiglio nazionale dei notai, si è registrata una netta flessione negativa per quanto riguarda i mutui e, in generale, il mercato immobiliare del Paese. L’indagine, infatti, ha evidenziato un calo nelle compravendite degli immobili pari all’8,7%, andando ad investigare in modo specifico le città più grandi e importanti d’Italia. Tra Roma, Milano, Verona, Bologna e altre ancora, il calo è differente ma comunque costante.

Ecco cosa sapere nello specifico in merito al ribasso del mercato immobiliare in ogni città e quali sono le stime e le prospettive per il futuro secondo i professionisti. 

Ecco cosa è emerso dai dati del Consiglio nazionale del Notariato

Il Consiglio nazionale del Notariato ha registrato e analizzato nel dettaglio il primo semestre dell’anno 2023 e l’andamento del mercato immobiliare e dei mutui. In particolare, secondo i dati statistici registrati dagli specialisti, si evince come per la conclusione dell’anno si prospetta un calo del mercato immobiliare su scala nazionale pari al 10,5%.

Secondo quanto emerso dai dati registrati per i primi sei mesi del 2023, le compravendite degli immobili hanno subito un calo considerevole, passando da 303.375 a 277.052. Si tratta, nello specifico, di un ribasso pari all’11%. Per quanto concerne, invece, i dati statistici relativi all’acquisto delle seconde case, quest’ultimo si è dimostrato particolarmente stabile rispetto l’anno precedente. Infatti, è stato evidenziato per l’acquisto delle seconde case tra privati un calo minimo, pari all’1,9%.

calo mutui
Canva

La situazione del mercato immobiliare nelle più grandi città d’Italia

L’indagine dei notai, in seguito, è andata a evidenziare l’andamento generale del mercato immobiliare in alcune tra le più grandi e importanti (dal punto di vista demografico) città del Paese. In particolare, si evince come nei primi sei mesi dell’anno corrente si è registrato un calo di acquisti immobili su scala globale pari all’8,7%.

Tra le città italiane tenute sotto osservazione spicca Milano. Quest’ultima ha registrato un calo pari all’8,4% per quanto riguarda le compravendite degli immobili. Segue nell’indagine la città di Torino, la quale, invece, registra un calo pari al 3,4%, mentre la città di Verona ha segnato un calo del 3,7%.

Altre città osservate dalla ricognizione notarile sono state Bologna e Firenze. Se la prima ha registrato un calo contenuto, pari al 4,6%, la seconda ha avuto un riscontro ancor più negativo nel mercato, arrivando a sfiorare il 10,3%. Per quanto riguarda la capitale, anche quest’ultima ha segnato un calo pari al 9,6%. Nell’area del Mezzogiorno, infine, spicca Napoli con una riduzione del 7,3% e Palermo con lo 0,33%.

calo mutui
Canva

Prospettive e stime future sul calo mutui: ecco cosa sapere

Secondo quanto specificato e registrato dai notai, si prospetta per tutto l’anno corrente un calo continuo nei finanziamenti. In particolare, si evince come il calo registrato sui mutui, pari al 29,5% è in equilibrio con il calo di capitale che ha segnato una discesa del 30,1%. Quest’ultimo, infatti, è passato da 38,5 miliardi a 26,9 miliardi. Questa continua discesa ha permesso alle banche di entrare a far parte nella sezione dei proprietari delle strutture abitative che coinvolge sempre più fasce d’età.

Nello specifico, si prospetta per l’anno 2023 “una riduzione dei finanziamenti del -23,8%, percentuale in crescita, confrontata alla proiezione che il Consiglio nazionale del Notariato aveva fatto, basandosi sui dati del primo bimestre dell’anno (-10,1%)”. Infine, si prospetta anche che il mercato delle surroghe subirà un netto calo pari al 38,2% rispetto l’anno precedente. Con il mercato delle surroghe, è bene specificare, si fa riferimento al trasferimento di un mutuo da un ente bancario ad un’altro con l’obiettivo di ottenere nuove condizioni positive e più vantaggi.

calo mutui
Canva
Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News