Vai al contenuto
bonus donna 600 euro

Cos’è il bonus donna 600 euro? Requisiti e modalità di accesso

Condividi L'articolo su

Tra i bonus e gli incentivi proposti dal governo per aiutare i cittadini in difficoltà economica, è possibile citare il bonus donna 600 euro. Ecco cos’è e come funziona.

Il bonus donna 600 euro è un incentivo volto a sostenere le madri con figli in difficoltà economica. Di seguito maggiori informazioni su come funziona e chi può accedere.

Cos’è il bonus donna 600 euro?

Il bonus donna 600 euro è un incentivo proposto dal governo e valido per tutto l’anno corrente. Nello specifico, il bonus è rivolto a tutte le madri residenti in Italia con figli naturali, adottati e affidati con un’età non superiore ai cinque anni. L’incentivo, dal valore massimo di 600 euro, può essere ottenuto indipendentemente dal valore del reddito Isee e può essere utilizzato per coprire tutte le spese relative al mantenimento dei figli.
bonus donna 600 euro
Cos’è il bonus donna 600 euro? Requisiti e modalità di accesso – Shutterstock_495692479 – Foto di VGstockstudio

Chi può accedere al bonus e quali sono i requisiti?

Come già anticipato, il bonus può essere richiesto da tutte le madri con figli naturali o adottati che hanno una residenza stabile all’interno del territorio italiano. Il bonus non dipende dall’Isee e ha un valore temporale che non andrà oltre il 2023, almeno sino ad ulteriori aggiornamenti. L’obiettivo dell’incentivo donna è quello di sostenere, con un secondo stipendio, le famiglie che hanno difficoltà economiche e devono sostenere e dare assistenza ai figli disabili e non, con età inferiore o pari a cinque anni. Di conseguenza, l’unico requisito per ottenere il contributo erogato dal Governo è l’avere almeno un figlio a carico.

bonus donna 600 euro
Cos’è il bonus donna 600 euro? Requisiti e modalità di accesso – Foto di Canva

Quali sono gli altri bonus a sostegno dei genitori?

Per aiutare i genitori italiani in difficoltà economica, il governo ha anche proposto il bonus asilo nido e il congedo parentale. Per quanto riguarda il primo, si tratta di un incentivo dal valore massimo di 3 mila euro per tutti i figli che frequentano la scuola materna fino ad un’età non superiore ai tre anni. Prima di ottenere l’incentivo, però, è necessario presentare il reddito Isee. Invece, per quanto riguarda il congedo parentale, questo garantisce un’indennità dell’80% per un periodo non superiore a 9 mesi dalla nascita del bambino. Il congedo parentale può essere sommato, nel caso di figli naturali o adottati e per le madri, all’assegno di maternità.

bonus donna 600 euro
Cos’è il bonus donna 600 euro Requisiti e modalità di accesso – Foto di Canva
Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News