Vai al contenuto
Bonus assunzione per i giovani lavoratori

Bonus assunzione per i giovani lavoratori: un’opportunità per le aziende

Condividi L'articolo su

Il bonus assunzione per i giovani lavoratori rappresenta un’iniziativa volta a incentivare le assunzioni a tempo indeterminato di soggetti di età inferiore ai 35 anni. Questa agevolazione contributiva offre agli datori di lavoro uno sgravio fiscale pari al 100% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali per i lavoratori assunti tra il 1° settembre 2024 e il 31 dicembre 2025.

Chi può richiederlo e come funziona il bonus assunzione?

Le aziende che intendono assumere giovani lavoratori a tempo indeterminato, purché non si tratti di rapporti di lavoro domestico o di apprendistato, possono fare domanda per ottenere il bonus. Tuttavia, è importante notare che il beneficio non è estendibile ai rapporti di lavoro domestico o di apprendistato.

Ammontare dei contributi

L’importo dei contributi non dovuti dal datore di lavoro, grazie allo sgravio fiscale, è limitato a una soglia massima mensile di 500 euro per lavoratore. Tuttavia, per le assunzioni effettuate nelle regioni del Sud, come Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, questa soglia massima è aumentata a 650 euro per lavoratore. È importante sottolineare che tale beneficio può essere ottenuto fino a un massimo di due anni.

È fondamentale considerare che il datore di lavoro che licenzia per giustificato motivo oggettivo un lavoratore assunto con lo sgravio fiscale può incorrere nella revoca del beneficio già fruito. Tale revoca comporta il recupero del beneficio precedentemente ottenuto. Inoltre, l’esonero non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previste dalla normativa vigente. Tuttavia, è compatibile, senza alcuna riduzione, con la maggiorazione del costo ammesso in presenza di nuove assunzioni.

Bonus assunzione per i giovani lavoratori
Foto di Canva

Requisiti per il beneficio

Per poter beneficiare dell’esonero contributivo, i datori di lavoro devono rispettare alcuni requisiti. Innanzitutto, nei sei mesi precedenti all’assunzione, non devono aver licenziato per giustificato motivo oggettivo, né aver effettuato licenziamenti collettivi nella stessa unità produttiva.

In conclusione, il bonus assunzione per i giovani lavoratori rappresenta un’opportunità significativa per le aziende che intendono ampliare il proprio organico con personale qualificato e giovane. Tuttavia, è essenziale comprendere appieno i requisiti e le condizioni per beneficiare di questo incentivo fiscale, al fine di massimizzare i vantaggi e evitare la revoca del beneficio.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News