World Giraffe Day: le giraffe sono in pericolo

Due sottospecie di giraffe sono in pericolo di estinzione per la prima volta nella loro storia.  Il rischio è di perderle per sempre, nell’indifferenza più generale.

.
Il  World Giraffe Day 2019 si celebra il prossimo 21 giugno (il giorno del solstizio d’Estate) e quest’anno è dedicato a Twiga Tracker, il più grande programma di localizzazione satellitare di giraffe mai realizzato in Africa che potrebbe consentire di raccogliere utili informazioni per salvaguardare l’animale. Essere ben informati è, infatti, il primo passo verso una maggiore tutela della specie.

Bracconaggio, guerre civili e distruzione del loro habitat sono le cause che hanno diminuito la popolazione di questi incredibili animali del 40%  negli ultimi 30 anni. In particolare la Giraffa camelopardalis, come ha dichiarato, con dati molto, allarmanti la “Red List” of Threatened Species , la Lista Rossa della Iucn, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, meglio conosciuta con il suo acronimo IUCN, una organizzazione non governativa (ONG) internazionale con sede in Svizzera. che si occupa di catalogare e documentare  il database sulla conservazione di animali e vegetali.

giraffa

FOTO: Shutterstock

Gli esperti parlano di una un estinzionesilenziosa“. Le giraffe, infatti, non sono minacciate direttamente come lo sono elefanti e rinoceronti, per la caccia all’avorio. Tuttavia, oltre alla minaccia del loro habitat, la  carne della giraffa, è molto apprezzata e richiesta nella Repubblica democratica del Congo, mentre in Tanzania, con il midollo osseo e il cervello sono realizzate magiche “pozioni Anti Aids“.

Delle sono le sottospecie di giraffe solo tre sono in aumento, e una soltanto è stabile (grazie al fatto che vengono confinate in parchi e protette). Le altre cinque stanno diminuendo di numero, e due di queste sono quelle a rischio di estinzione: la giraffa di Rothschild (circa un migliaio di esemplari in Uganda e Kenya) e quella del Niger (meno di 300 esemplari).

giraffe

Foto: Shutterstock

 

 

L’aggiornamento periodico della Red List della IUCN delle Specie Minacciate (www.iucnredlist.org) è l’attività in cui si impegna di più l’organizzazione. È attiva da 50 anni, ed è il più completo inventario del rischio di estinzione delle specie a livello globale.

La nostra speranza è che i dati drammatici che vengono dichiarati da organizzazioni indipendenti come queste mettano in moto soluzioni per arginare il problema, e riescano a sensibilizzare  enti e governi e a spingerli a tutelare questi meravigliosi animali.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Per brevi distanze, le giraffe sono in grado di correre a una velocità pari a 56 chilometri all’ora.
  • I loro piccoli vengono dati alla luce nel luogo in cui le giraffe sono nate. Si tratta di un brusco benvenuto al mondo, perché al momento della nascita i piccoli cadono da circa un metro e mezzo d’altezza. I piccoli si alzano  in piedi e camminano nel giro di un’ora dalla loro nascita.
  • La lingua della giraffa è lunga mezzo metro ed è di colore nero.
  • Anche se le conosciamo per il loro collo molto lungo, le giraffe possiedono lo stesso numero di vertebre cervicali dell’uomo: sette. Ogni vertebra è solo più grande e può arrivare a 25 centimetri.

 

TI INTERESSA L’ARGOMENTO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Share Post