Vado a vivere nel bosco

Vivere in un incantevole ambiente boschivo, avvolti dalla natura incontaminata, è il sogno di molti abitanti che vivono  nelle  città.  Lontani  dal traffico, dall’inquinamento e dal rumore, la vita nei boschi potrebbe rivelarsi meno lontana di quanto non immaginiamo.  

In fondo tutti almeno una volta nella vita  abbiamo  pensato a un  cambiamento radicale: allontanarci dagli impegni  e dalle responsabilità della vita quotidiana, senza ritmi od orari da rispettare se non quello della natura. 

No, non come quei terribili e irriverenti ragazzacci dei Monthy Python, nella canzone Lumberjack Song prendono in giro l’idea romantica del taglialegna in una gag molto divertente,  ripresa qualche anno dopo anche da Claudio  Bisio insieme a Elio e le Storie Tese

E non è  neppure necessario spostarsi  molto lontano: la prima  cosa da fare è cercare una casetta che può fare al caso vostro. Se non ve la sentite di prendere decisioni drastiche ma volete prima “assaporare” come ci si sente a vivere in mezzo alla natura, potreste affittare una Yurta. La Yurta è  la casa tipica utilizzata dai  pastori nomadi dei paesi dell’Asia Centrale. Si tratta di una tenda con struttura in legno ricoperta da pelli o tessuti.

Questa ad esempio, che si può affittare su B&B, è a 930 metri di altezza sul  livello del mare, circondata da boschi di castagno, pini ed alberi da frutto selvatici.

 

bosco

Foto di mangostock – Shutterstock

.

La protezione del bosco non limita in questo caso la splendida ed ampia vista panoramica sugli Appennini. La Yurta è in un punto di interesse storico, vicino alla Linea Gotica a 20 minuti di auto dalla stazione sciistica del parco naturale Il Corno alle Scale, a 20 minuti dalle terme di Porretta Terme e a 40 minuti dal Lago di Suviana.

Una alternativa per affrontare con gradualità  una esperienza è quella del GardenSharing. Si tratta di modo semplice ed innovativo modo per campeggiare su spazi privati che i vari Gardensharer mettono a disposizione. In montagna o in riva al mare, ma rigorosamente se possibile, in mezzo al verde boschivo, lontano dalle città.

È possibile  prenotare  una sistemazione già pronta, come ad esempio una casa in legno, una tenda già montata, una roulotte o una casa sull’albero. 

 

Un’altra possibilità è quella di  cercare qualcosa di più stabile affittando una casa vacanze su un portale dedicato proprio alla ricerca di baite arredate, come cercobaita.com, oppure  baitainmontagna.com. Il primo permette di affittare baite e chalet nel Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli, Lombardia e Piemonte. Il secondo propone baite su tutta la penisola, dalle Alpi agli Appennini  per arrivare in Sicilia. Le baite in affitto sono di privati o società che offrono la possibilità di trascorrere una vacanza romantica e isolata da tutto il caos delle città. 

.

vado a vivere nel bosco

Se infine siete curiosi di come si vive rudemente in un bosco di gran  lunga più ostile come quelli degli Stati Uniti potete sempre prendere prima  visione degli episodi di Vado a vivere nel bosco, la serie tv che ha appassionato milioni di persone presente su Dplay, un servizio di streaming video gratuito e on demand dei programmi di Real Time, Dmax, Food Network, Nove, Motor Trend, Giallo, Frisbee, K2 e Animal Planet.

.

.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Per gli amanti del buon  leggere, consigliamo il libro “Walden ovvero Vita nei boschi”, il racconto dell’autore Henry David Thoreau, che dedicò ben due anni, due mesi e due giorni della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare se stesso, lontano dal vita frenetica  consumistica.  Disponibile anche in versione “audible

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Post Tags
Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.