Vivere in campagna, viaggiando gratis in cambio di lavoro

Avete mai pensato di lasciare tutto per dedicarvi alla campagna? Grazie al movimento WWOOF si può sperimentare la vita in campagna e vivere in un ambiente agricolo offrendo la propria manodopera in cambio di ospitalità. Un sistema che mette in connessione persone in diverse parti del mondo e che offre la possibilità di viaggiare gratis grazie allo scambio di servizi. Attraverso la sua rete si può vivere in campagna, raccogliere la frutta, preparare marmellate, prendersi cura dell’orto, accudire gli animali e imparare come si fa il formaggio o il vino, in cambio di ospitalità.

 

Il Movimento WWOOF

Nato nel Regno Unito negli anni ’70 dall’idea di Sue Coppard, che ha dato il via ai primi soggiorni nelle fattorie biologiche in cambio di aiuto, il movimento WWOOF si occupa di divulgare e sostenere i principi dell’agricoltura biologica offrendo la possibilità di viaggiare in tutto il mondo in cambio di aiuto. In Italia è attivo dal 1999 e conta diverse migliaia di soci, con una rete di circa 40 volontari attivi sui territori che gestiscono gli aspetti economici, progettuali e le relazioni tra i soci. Oltre 750 realtà agricole, chiamate host, mettono a disposizione le proprie strutture per la condivisione di esperienze produttive e culturali in ambito agricolo naturale con i soci viaggiatori, i wwoofers

shutterstock_Di PointImages

Il lavoro dei wwoofers

Ogni host offre opportunità differenti ai suoi ospiti-volontari, dai lavori agricoli, all’allevamento di animali, all’aiuto in famiglia, alle piccole manutenzioni. Tutte attività da poter svolgere in sicurezza e secondo le normative italiane. Infatti non è possibile svolgere compiti che richiedono l’uso di macchinari a lama nè la guida dei trattori. La copertura assicurativa di WWOOF Italia aiuta i soci viaggiatori e gli host ad operare in tranquillità, suggerendo un approccio al lavoro basato sul rispetto delle regole comuni e dei limiti personali. Alla base dello spirito di questa organizzazione c’è la collaborazione, uno scambio reciproco di servizi che mettano in connessione le persone attraverso la pratica dell’agricoltura biologica.

“L’aiuto reciproco è inscritto nei geni di tutti gli animali sociali: collaborano insieme per realizzare ciò che non riuscirebbero a fare da soli. La collaborazione si presenta in varie forme, anche informali e inconsapevoli, e si riveste nell’esperienza del piacere condiviso.” (Insieme, Richard Sennet)

Raggiungere gli host viaggiando slow

Per chi vuole abbracciare fino in fondo il pensiero slow alla base di questa organizzazione e il piacere di vivere in campagna nel rispetto della natura, il movimento suggerisce anche come raggiungere gli host in Italia senza utilizzare l’aereo. Viaggiare in aereo è sicuramente il modo più veloce e meno faticoso, ma anche il più inquinante. Per questo il movimento suggerisce alcuni percorsi per raggiungere gli host utilizzando autobus o treni, oppure le bici, per aggiungere all’esperienza il piacere del viaggio lento alla scoperta dei territori.

 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • WWOOF Italia è membro attivo di FOWO, la federazione internazionale del movimento WWOOF. Compagnia no-profit che unisce i 42 gruppi del movimento nel mondo e li aiuta a co-operare.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province