Tecnica gridshell: architettura e legno che si uniscono

La particolare tecnica gridshell è in grado di unire natura, grazie all’utilizzo del legno, ed architettura, creando strutture innovative.

La tecnica gridshell

Con il termine gridshell si intendono le coperture formate da un reticolo o da una griglia a cui vengono, poi, date delle forme morbide. Queste ultime ricordano la forma di un guscio, creando un’architettura leggera.

Quando si parla di gridshell, inoltre, non si può non citare l’artista Frei Otto, creatore di importanti opere. Il particolare termine è l’unione delle due parole che rappresentano la tecnica: griglia e guscio. Queste due creano strutture dalle curve morbide e leggere, ma che in realtà si rivelano molto resistenti.

Opere di questo tipo, infine, sono oggi molto ricercate poiché in grado di creare forme uniche e solide allo stesso tempo. Il legno è un materiale duttile in grado di modellarsi in forme uniche nel loro genere e, per questo, così affascinanti.

Architetto paesaggista: cosa fa e come lo si diventa?

Storia e forme

L’esponente appena citato, Frei Otto, fu il primo ad utilizzare questa particolare tecnica negli anni Settanta, realizzando la Mannheim Multihalle. Quest’opera fu il primo progetto dal tocco innovativo, con uno stile particolare.

L’opera è formata da due grandi gusci, uniti da un passaggio pedonale, che si integrano perfettamente con il paesaggio circostante. Questo è possibile grazie alla scelta di un materiale forte e resistente: il legno.

La tecnica gridshell, inoltre, è in grado di unire architettura ed ecologia, utilizzando un materiale naturale che non richiede nessun tipo di collante.

La realizzazione di un’opera

Per realizzare un’opera architettonica con la tecnica gridshell è importante considerare le fasi da seguire:

  1. parte di assemblaggio in cui si crea una griglia con il legno.
  2. Fase di deformazione: qui le parti create vengono modellate.
  3. Parte di flessione dei componenti che vanno, così, a creare un vero e proprio guscio.
  4. Passaggio finale di fissaggio ed irrigidimento: per unire la struttura al terreno e renderla più solida.

Qui il materiale gioca un ruolo fondamentale: il legno è facile da flettere e piegare ed in grado di creare affascinanti forme.

Ecco tutte le Università di architettura in Italia

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Frei Otto è morto all’età di novant’anni a Leonberg, in Germania.
  • In Italia sono presenti oltre 150 mila architetti. Solo nel nostro Paese ci sono un terzo dei professionisti totali europei.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione