Rinfrescare casa limitando l’utilizzo del condizionatore

Durante l’estate si cerca di trovare refrigerio e combattere il caldo torrido utilizzando i dispositivi di raffreddamento. Ma è possibile rinfrescare casa in modo naturale, senza far ricorso ai condizionatori?

I climatizzatori consumano molta energia elettrica e, durante la stagione estiva, possono creare picchi di carico nelle ore più calde della giornata. Se usati in maniera spropositata, hanno anche un forte impatto sull’ambiente.

6 modi per rinfrescare casa (senza l’uso del condizionatore)

Seguendo piccoli accorgimenti, è possibile mantenere più fresco l’ambiente domestico in modo naturale e senza utilizzare l’aria condizionata, limitando l’uso del climatizzatore (risparmiando energia e denaro). Questo concorrerà anche alla salvaguardia dell’ambiente.

1. Lasciare finestre e porte interne aperte durante la notte

Lasciando le finestre aperte durante la notte (richiudendole all’alba) sarà possibile raccogliere l’aria notturna che rinfrescherà per diverse ore. Ideale inoltre lasciare aperte tutte le porte interne. Da includere anche armadi e pensili: questi ultimi intrappolano il caldo diurno a lungo e la brezza notturna li raffredderà facendo abbassare il termometro domestico.

2. Usare tapparelle, persiane e tende per bloccare i raggi del sole

Per conservare una certa freschezza in casa bisogna essenzialmente impedire che i raggi solari entrino nell’abitazione. Per limitare quanto più possibile la quantità di caldo in entrata nelle ore più roventi, risulta fondamentale tenere chiuse tapparellepersiane e tende.

Rinfrescare casa limitando l’utilizzo del condizionatore

shutterstock Di kunmom

3. Utilizzare i ventilatori

I ventilatori non consumano tanto quanto i climatizzatori. Sono ideali per contrastare il caldo moderato in ambienti di piccole dimensioni. Offrono refrigerio grazie all’effetto di raffreddamento del vento. In sostituzione al condizionatore è possibile rinfrescare una piccola stanza direzionando un ventilatore su vaschette piene di acqua fredda e ghiaccio. L’aria proveniente dalle bacinelle sarà più fresca e abbasserà la temperatura del locale. Bene anche puntare il ventilatore verso il soffitto facendo ruotare le pale in senso antiorario in modo che l’aria calda vada verso l’alto.

Rinfrescare casa limitando l’utilizzo del condizionatore

shutterstock Di Rolling Stones

4. Limitare l’uso di elettrodomestici e dispositivi elettronici

Utile inoltre evitare le cotture al forno e ridurre l’utilizzo dei fornelli. Anche i televisori e i computer, come il forno e i fornelli, scaldano l’ambiente, dunque limitarne l’uso sarebbe una scelta ideale per mantenere più fresca l’aria di casa.

5. Usare lampadine a fluorescenza o a LED

Lampadine a fluorescenza o Led emettono un calore assolutamente inferiore rispetto a quelle tradizionali dunque non alimentano l’innalzamento della temperatura domestica. Importante è anche spegnere le luci quando non servono.

6. Creare zone d’ombra in balconi e terrazzi

Per rinfrescare casa è bene posizionare su terrazzi e balconi ombrellonitende parasole in modo da tenere in ombra portefinestre e finestre. Fondamentale anche realizzare un angolo verde con piante e rampicanti che creino zone d’ombra proteggendo le mura domestiche dalla calura estiva.

Rinfrescare casa limitando l’utilizzo del condizionatore

Tende da sole – Leroy Merlin

Rinfrescare casa limitando l’utilizzo del condizionatore

Fioriere in legno per rampicante – Leroy Merlin

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • L’Agenzia internazionale dell’energia (IEA), un’organizzazione intergovernativa che promuove il coordinamento delle politiche energetiche, stima che nei prossimi dieci anni saranno installati un miliardo di nuovi condizionatori in tutto il mondo.
  • I condizionatori hanno un grande impatto sull’ambiente, soprattutto per quanto riguarda le emissioni dei gas serra. Raffreddare l’aria richiede grandi quantità di energia: secondo l’IEA nel mondo tutti i macchinari di raffreddamento provocano la produzione di 4 miliardi di tonnellate di anidride carbonica (CO2).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web