Realizzare dei profumatori per ambienti home – made

La casa è lo specchio dei suoi abitanti, ma anche un nido dove rifugiarsi e stare bene, e avere una casa profumata, oltre che ad essere un buon biglietto da visita per presentarsi, può aiutare a mantenere il buon umore.

 

Molte ricerche confermano che gli italiani investono per avere una casa pulita e profumata stando attenti anche al rispetto per l’ambiente, ne avevamo parlato in questo articolo. Sono molti i modi per mantenere la casa pulita e profumata: detergenti, profumi, oli essenziali, diffusori d’ambiente, in commercio si trovano moltissime soluzioni, noi proviamo a darvi qualche suggerimento su come realizzare dei profumatori per ambienti home – made.

 

 

Come realizzare dei profumatori per ambienti home-made

Per chi ama dilettarsi con il fai da te può sperimentare la realizzazione di profumatori per ambienti home – made. Facili e veloci da realizzare, sono un modo per creare qualcosa di unico ed ecologico per la nostra casa. Gli ingredienti base sono facili da trovare in commercio e basta mescolarli con oli essenziali, essenze, erbe aromatiche o fiori per ottenere ottimi risultati.



 

Profumatori a base di bicarbonato

Il bicarbonato è un alleato prezioso in casa, dalla cucina alla pulizia, le sue proprietà sono adatte anche per realizzare dei profumatori per ambienti. Infatti il bicarbonato ha la capacità di assorbire gli odori, quindi è la base perfetta per ottenere un profumatore delicato. Sarà sufficiente mescolarlo con acqua calda e poche gocce di olio essenziale per ottenere una miscela da vaporizzare, ottima anche per eliminare l’odore di fumo. Mentre per realizzare dei profumatori solidi, come piccole saponette, sarà necessario mescolare il bicarbonato con olio essenziale e una quantità inferiore di acqua, in modo da ottenere un impasto da mettere ad asciugare in stampini di silicone della forma che si desidera. Una volta asciutti si possono disporre in giro per casa o nei cassetti e profumeranno l’ambiente.

 

 

Profumatori a base di alcol e oli essenziali

Per realizzare dei profumatori per ambienti home – made simili a quelli che si trovano in commercio si può utilizzare l’alcool mescolato con acqua e olio essenziale. La soluzione che si ottiene è perfetta sia per essere vaporizzata che da tenere in un barattolo con i bastoncini di legno per diffondere l’aroma nelle stanze della nostra casa.

shutterstock_1150896017_Di FabrikaSimf

 

Pot-pourri e sacchetti profumati

Per realizzare pot-pourri e sacchetti profumati da tenere in casa o negli armadi per mantenere gli abiti profumati si possono far essiccare fiori ed erbe aromatiche. Il fiore più utilizzato, grazie al suo profumo intenso, è la lavanda ma a questa si possono aggiungere i chiodi di garofano o le foglie di alloro. Mentre tra le erbe aromatiche si può scegliere tra la freschezza della menta o il rosmarino, che sprigionano un profumo energizzante.



Profumi a base d’acqua

Per profumare la casa si possono utilizzare anche soluzioni da vaporizzare a base d’acqua, come quella che si ottiene mescolando tè verde, acqua calda e succo di limone. Oppure, per profumare l’ambiente e mantenere la giusta percentuale di umidità nell’aria, in inverno si può inserire all’interno degli umidificatori da termosifone della buccia d’arancia tagliata a pezzetti. In questo modo l’acqua calda diffonderà per la casa un piacevole profumo d’arancia. 



Un profumo per ogni ambiente

Per realizzare il giusto profumatore per ambienti home-made sarà importante scegliere la fragranza adatta ai vari ambienti della nostra casa. Ad esempio per la camera da letto è preferibile utilizzare: camomilla, melissa, tiglio o lavanda, le più indicate per il loro effetto rilassante, oppure durante l’inverno eucalipto o pino, che liberano le vie respiratorie. Per la cucina meglio evitare fragranze floreali, sono più adatte quelle agli agrumi come il mandarino, l’arancia, il limone e il pompelmo, oppure ‘alloro, menta, timo o ginepro. Nel bagno sono molto adatte profumazioni fresche, che trasmettono una sensazione di pulito, come la lavanda, il limone e il sandalo. Mentre negli altri ambienti, come il soggiorno e il salotto, si può scegliere tra diverse essenze, come estratti di mughetto, magnolia, rosa, mimosa o del legno di sandalo.

 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province