Porte interne: come scegliere le più adatte

Camera da letto, armadio, bagno, corridoio, soggiorno e uffici sono parti importanti di un ambiente. Assicurati di valorizzarli al meglio scegliendo porte interne adatte allo stile e modalità di aperture più adatte e funzionali in base alla disposizione degli ambienti che andranno a separare.

In questo articolo cerceremo di offrire alcuni spunti nella scelta dello stile, materiale e finitura delle porte che si adatteranno così alla vostra personalità e aggiungerano fascino all’arredo esistente della vostra casa.

Stile della porta interna

Per cominciare, è bene capire quali  siano  i tuoi  gusti quando si tratta di stile della porta. Le porte interne sono disponibili in pannelli incernierati, a filo, a due ante, francesi, scorrevoli, tascabili e altri stili. Ecco una descrizione degli stili di porta più popolari, così puoi conoscere le tue opzioni.

Ante a pannello

Le porte a pannelli sono le porte interne più comunemente utilizzate per gli edifici residenziali. Hanno motivi quadrati o rettangolari che possono variare da un singolo pannello grande a otto o più pannelli piccoli. I motivi possono anche includere piani arrotondati e finiture decorative, nonché inserti in vetro per aggiungere ulteriore glamour. Selezionare una porta da questa categoria dipende semplicemente dal gusto personale. Gli stili di porte interne che sono attualmente di tendenza nelle nuove case includono: la missione a tre pannelli, la porta a cinque pannelli uguali e la porta a pannello intero standard.

Porte filo muro

Le porte interne a filo  muro offrono un’opzione pulita e classica per la tua casa. La sua caratteristica principale è mantenere inalterata  l’estetica  minimale  di uno spazio, rendere invisibili o  quasi passaggi  ad  altri ambienti, come dispense o  ripostigli, e permettere decorazion particolari su superfici ampie includendo l’elemento “porta”.

porte a filo muro

Foto archideaphoto – Shutterstock

.

Porte a soffietto

Le porte a soffietto sono un insieme di porte interne incernierate che si piegano l’una nell’altra.

Porte a soffietto

Foto: Jodie Johnson – Shutterstock

.

Le porte interne a soffietto si trovano più comunemente in zone come gli armadi delle camere da letto, le lavanderie e la dispensa della cucina. Prendi in considerazione l’utilizzo di questo tipo di porta in spazi ristretti o in aree in cui non vuoi creare l’ingombro tipico della porta battente.

Porte francesi

Con il termine porte francesi si intendono le porte a due battenti indipendenti tra di loro, con l’apertura verso l’interno.

Porta francese

Foto di Artazum – Shutterstock

.

Le porte alla francese sono perfette per far passare la luce naturale e rendere più luminoso qualsiasi ambiente. Le porte-finestre utilizzano comunemente inserti in vetro o pannelli decorativi per aggiungere glamour al tuo spazio. Queste porte interne sono comunemente utilizzate in aree destinate a mettere in mostra una stanza della tua casa, come sale da musica, uffici domestici, soggiorni, camere da letto matrimoniali, ecc.

Porte scorrevoli

Le porte scorrevoli sono una porta meno comunemente utilizzata configurata appendendo due o più porte interne montate su una guida.

Porte Scorrevoli

Foto: Chris Singshinsuk – Shutterstock

.

Non oscillano, e sono utili in aree senza spazio disponibile sul pavimento, ma richiedono spazio a destra o a sinistra di ciascuna porta per garantire che le porte possano scorrere liberamente avanti e indietro per fornire un ingresso sufficientemente ampio nella stanza della porta. Sebbene non siano estremamente comuni, queste porte interne possono essere utilizzate per fornire un’opzione unica per le stanze che potrebbero essere state originariamente costruite per l’apertura di una porta-finestra.

Porte scorrevoli: tipologia a scomparsa

Le porte a scomparsa sono uno stile “vecchia scuola” che è tornato recentemente di tendenza. Queste porte  scorrono in modo simile a una porta scorrevole, ma generalmente sono solo una porta montata su un binario basculante che scorre in uno spazio preparato all’interno del muro.

Un altra variate di  questo tipo di porta adotta un binario  esterno. In questo caso si ha una pratica soluzione scorrevole salvaspazio che non necessita di interventi murari.

porta scorrevole

Foto di Neil Podoll – Shutterstock

.

Un ulteriore vantaggio della porta a scomparsa è che il muro praticamente nasconde qualsiasi parte della porta, rendendola un’ottima opzione per le stanze in cui la porta raramente ha bisogno di essere chiusa. Le porte a scomparsa sono perfette da utilizzare in piccoli spazi come bagni, passaggi in cui chiudere una stanza, armadi, sale da musica, ecc.

Materiale della porta interna

La selezione di un materiale per porte solitamente dipende da due fattori: gusto e budget. Consigliamo di entrare in un negozio di porte vicino alla vostra zona per valutare le differenze tra il costo di porte in legno massello, anima solida e anima cava prima di  valutare una  scelta.

Porte in legno massello

Le porte in legno massiccio hanno naturalmente un peso più elevato. Sono estremamente robuste, offrono resistenza alle screpolature o alle scheggiature e hanno un gradevole aspetto estetico. Sebbene generalmente sia l’opzione più costosa, molti acquirenti considerano il legno massiccio un buon valore a causa della loro composizione di lunga durata. Le porte interne in legno massello offrono anche un ottimo isolamento e forniscono una barriera acustica naturale.

Porte in legno listellare

Le porte in legno listellare sono una soluzione alternativa alle classiche porte in legno massello e grazie alla loro struttura costruttiva sono un prodotto dall’elevato valore, molto  simili a quelle di una porta in legno massiccio, mantenendo la stessa qualità o sensazione “costosa”. Ancora una volta, offrono un buon isolamento e offrono una barriera acustica di qualità tra le stanze. Queste porte, come il legno massiccio, sono pesanti e possono contrarsi con livelli di calore e umidità, il che può causare problemi se le condizioni meteorologiche estreme sono un fattore nella tua casa.

Porte tamburate

Le porte tamburate, a differenza di quelle in legno massiccio, sono vuote all’interno: di conseguenza, sono molto più leggere e più stabili. Generalmente meno costose, le porte a nucleo cave sono costruite da una struttura in legno, compensato. Ormai il 90% delle porte in commercio (qualunque sia la tipologia di apertura: a battente, scorrevoli interne o esterne, a libro, rototraslanti, filomuro o a bilico) sono realizzate con pannelli tamburati, e sono molto apprezzate per la loro leggerezza unita ad un’eccellente resistenza meccanica.

 

Pensi di avere abbastanza informazioni per iniziare una scelta? Se desideri maggiori dettagli o consigli su eventuali stili di porte, materiali o opzioni di finitura consulta il nostro articolo “Pillole di Interior Design: la scelta delle porte interne“. Oppure La pagina “Come scegliere le porte interne di Leroy Merlin che offre un’utile guida alla scelta per trovare l’abbinamento giusto con i pavimenti e il colore delle pareti.

Pillole di Interior Design: la scelta delle porte interne

In copertina, foto di ESB Professional – Shutterstock

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • La pagina “Come scegliere le porte interne di Leroy Merlin offre un’utile guida per a scelta e trovare l’abbinamento giusto con i pavimenti e il colore delle pareti.
  • Pillola di interior. Le porte di casa non devono necessariamente essere tutte uguali. È possibile utilizzare lo stesso modello di anta declinato nella versione battente o scorrevole, oppure inserire porte del tutto diverse tra loro ma che convivano armoniosamente.
  • Leggi anche:

Pillole di Interior Design: la scelta dei pavimenti

Pillole di Interior Design: le cucine più amate del momento

Interior Design: arredare un bagno con gusto

Interior Design: arredare un open space

Pillole di Interior Design: arredare casa con i cuscini

Pillole di Interior Design: arredare la camera dei più piccoli

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.