Personalizzare il bagno con i rivestimenti

Il bagno è una delle stanze più curate della casa, uno dei luoghi preferiti per scattare foto e selfie, ma anche una vetrina per mostrare il proprio status. Per questo la personalizzazione dell’ambiente gioca un ruolo fondamentale. La progettazione del bagno è molto accurata e passa per un’attenta selezione dei materiali, dei sanitari, degli arredi e dell’illuminazione.

Superfici materiche e colorate, con segni grafici dalle geometrie più disparate, mix and match di stili e colori nati dalla selezione di elementi scelti secondo il gusto personale uniti a quelli proposte da riviste, blog e progettisti. E poi gli accessori, quell’elemento in più che determina lo stile e che permette di cambiare velocemente aspetto alla stanza. Tutto per personalizzare il bagno e creare un ambiente unico che rispecchi i gusti e lo stile degli abitanti.

 

shutterstock_NavinTar

La scelta del rivestimento per personalizzare il bagno

L’elemento d’arredo principe nel bagno sono sicuramente le piastrelle. Grazie alle loro caratteristiche permettono di arredare la stanza considerando sia gli aspetti funzionali che quelli estetici. Che siano maioliche, gres porcellanato, vetro o pietra, la scelta è ampia e consente un altissimo livello di personalizzazione.Soprattutto nel settore delle ceramiche i progressi tecnologici nella produzione hanno portato alla sperimentazione di cromie e grafiche differenti e permesso la produzione di nuove forme, a spessori ridotti, pattern stampati e rilievi 3D. Lavorando su piccoli e grandi formati e migliorando anche le prestazioni tecniche. Colori brillanti o pastello, finiture lucide o opache e moltissimi formati, dalle piccole tessere per comporre mosaici, ai tradizionali formati quadrati ed esagonali, fino a formati triangolari o irregolari. Per ottenere un risultato altamente customizzato la scelta può ricadere sui formati piccoli. Questi permettono di miscelare più elementi, inserendo dettagli con colori o materiali differenti e giocare anche con stili e atmosfere. La possibilità di scelta e le possibili combinazioni per ottenere un effetto personalizzato sono quasi infinite.

credits CEDIT – Ceramiche d’Italia
Rilievi disegnata da Zaven | Enrica Cavarzan & Marco Zavagno

 

Piastrelle customizzabili

Personalizzare il bagno è sempre più importante e le aziende e i progettisti ne sono consapevoli, per questo offrono prodotti sempre più versatili. StudioPepe nella sua collezione Palladiana per Ceramica Bardelli ha puntato sulla finitura materica opaca, che grazie a lavorazioni e smalti di nuova generazione evidenzia le differenti finiture all’interno dei singoli pezzi. Per permettere di ottenere risultati di posa sempre diversi tutti i set sono realizzati in sei differenti disegni. Per la stessa azienda Dimorestudio invece ha sviluppato la collezione Corrispondenza. Sette decori realizzati a mano su gres smaltato con finitura opaca forniti miscelati, da posare su pavimento o rivestimento d’interni. Ceramica Vogue con la collezione Graph punta su linee semplici che ricordano la carta millimetrata, segni geometrici netti, un leggero gioco di contrasti che può essere enfatizzato dalle fughe colorate. La collezione Rilievi di CEDIT – Ceramiche d’Italia disegnata da Zaven | Enrica Cavarzan & Marco Zavagno punta sulla tridimensionalità con geometrie e colori differenti per rendere le superfici scenografiche, tanto da aver conquistato il prestigioso riconoscimento internazionale Red Dot Award nella categoria “product design”.

– IL BAGNO DA VIVERE, Report tendenze 2018 – Osservatorio sulla casa, Leroy Merlin e Habitante –