Personalizzare gli spazi con cornici e portafoto colorati

Se siete in cerca di idee originali e creative per abbellire le pareti della vostra casa con tocchi di colore, e nello stesso tempo poter esporre i quadri foto che raccontino la storia della vostra famiglia e di voi, seguite questi nostri consigli.

È importante fare questa premessa: un quadro o una fotografia è un piccolo universo cromatico decorativo. Sono diverse quindi le possibilità per rendere al meglio questi oggetti. Se ad esempio l’immagine del soggetto del quadro è molto colorata e i colori spiccano, sono tanti, sono vividi, sarà senz’altro meglio utilizzare cornici in materiali o colori neutri. Utile l’aggiunta di un passepartout, cioè di una base neutra che circondi l’immagine e la accompagni letteralmente verso la cornice, in modo da far risaltare al meglio il soggetto del nostro quadro.

Adesso siete pronti per cominciare.

Se volete dare un tocco colorato e la parete è bianca, procedete con un colore guida. Osservate nella stanza se avete già un colore che prevalga sugli altri e valutate di scegliere cornici di quello stesso colore. Non temete se il colore è  particolare e non trovate cornici già pronte e laccate appositamente di quella tinta. Potete sempre procedere procurandovi in colorificio uno smalto lucido o satinato a seconda dell’effetto che volete far prevalere – o magari anche entrambi gli effetti. Procedete dunque a dipingere la cornice dopo aver coperto attentamente la superficie su cui state lavorando. Togliete cioè il cartonato di fondo della cornice stessa. Se chiedete in colorificio la mazzetta delle tinte del sistema NCS, ad esempio, avrete a disposizione diverse centinaia di colori fra cui poter scegliere.

 

Mazzetta colore NCS

Credits: SimoneN – Shutterstock

.

Un espediente per compiere quest’operazione in maniera piuttosto precisa e veloce è quello di utilizzare delle bombolette spray. In questo caso però la gamma dei colori a cui potrete ricorrere sarà sensibilmente inferiore rispetto a quella che può dare un sistema tintometrico.

Passiamo in rassegna alcuni effetti decorativi particolari che possiamo mettere in atto con le cornici colorate.

Il primo è quello che chiamiamo “effetto camaleonte”: le cornici saranno dello stesso identico colore della parete su cui le andrete ad appendere. Questo colore potrà essere un neutro, il bianco, ma potrete anche osare di più con una parete scura e un colore acceso.

Questo effetto sarà ancora più rilevante se a loro volta i soggetti delle delle foto, delle immagini che metterete in cornice, avranno colori uniformi. Per esempio tutte foto di spiagge e mare, tutte foto di paesaggi, tutte foto in bianco e nero.

Quadri con i soggetti delle delle foto, delle immagini che metterete in cornice, avranno colori uniformi. Per esempio tutte foto di spiagge e mare, tutte foto di paesaggi, tutte foto in bianco e nero.

Credits: New Africa – Shutterstock

.

In questo caso dato che la tinta delle cornici sarà la stessa, potrete creare una variazione interessante se cambierete le dimensioni delle cornici stesse, come il loro stile. Immaginate ad esempio cornici barocche e cornici moderne, tutte nella stessa nuance di colore: creeranno una piacevolissima parete decorata.

Se non avete sufficienti fotografie o immagini per riempire tutte le cornici, lasciatele vuote: usate una serie di cornici colorate camaleonte, con la parete su cui le andrete ad appendere. Creerà un effetto scenico molto particolare.

Non dimenticate inoltre che le cornici possono anche contenere non solo dipinti, fotografie o grafica cartacea:  anche gli specchi sono un’interessante alternativa. Potrete farli tagliare dal vetraio a misura per la vostra cornice.

.

Specchi come quadri

Credits Africa Studio – Shutterstock

 

L’effetto camaleonte è anche molto efficace se sovrapponete parzialmente le cornici le une alle altre: in questo modo potete addirittura nascondere una piccola mensolina che avrete fatto tagliare a misura dal falegname. Retta con staffe dietro il bordo orizzontale inferiore della cornice stessa, diventerà una sorta di quadro tridimensionale e potrà contenere qualche libro, o i piccoli oggetti che tanto amate ma non sapete dove riporre.

 

Cornici sovrapposte colorate

Foto Pixabay

.

Questo interessante effetto di sovrapposizione che compare  se lasciate le cornici vuote può addirittura essere allestito su una porzione di parete del bagno. Fungere ad esempio da originale portasciugamani. Non dimenticate inoltre che le cornici colorate – vuote o meno – possono essere anche appese al soffitto in modo da creare una particolarità decorativa che imita gli antichi rosoni dei palazzi nobiliari, e consente addirittura nell’alloggiare nel solco che normalmente accoglie il fondo del quadro dei LED nascosti.  Possono dare un interessante effetto di retroilluminazione, anche utilizzando dei LED anche colorati.

Un interessante effetto decorativo può essere ottenuto anche con cornici neutre. Mescolando o tutte bianchi e bianco e nero,  o ancora meglio mescolando bianco, legno e oro o bianco legno e argento, mantenendo colorato il passepartout, come abbiamo già detto prima quella porzione di cartonato che circonda la foto e collega la foto l’immagine alla cornice stessa.

.

Cornici nere, oro

Credits Parinya Feungchan su Shutterstock

.

Un importante consiglio è quello di valutare se le cornici colorate che state usando hanno dimensioni diverse. Si prestano a essere mescolate e parzialmente incastrate l’una nelle altre. In composizioni che sgranano poi andando a diminuire il numero delle cornici verso l’alto verso il basso e verso destra o verso sinistra.

Se invece avete cornici tutti uguali è opportuno che componiate delle forme simmetriche. La simmetria crea maggior senso di ordine, soprattutto quando l’interesse visivo è già completato dal colore stesso. Esagerare con il disallineamento delle cornici creerebbe una sensazione di eccessivo disordine.

L’accortezza che vi ho appena descritto –  cioè di utilizzare la simmetria – è tanto più valida quanto più il colore della cornice dei soggetti spicca sul colore di sfondo.

Una cornice molto scura, molto colorata su una parete bianca o chiara via via diventa meno importante. Se le cornici sono di colori uniformi o immateriali, neutri, come vari tipi di legno, alternate piuttosto al bianco.

Se la parete di fondo anziché essere molto chiara è di una tinta media, o accesa, o scura, in questo caso il senso di disordine spiccherà comunque meno, perché verrà contenuto nello stimolo visivo principale, che è quello del colore della parete.

.

Quadri colorati

Credits: Hannamariah – Shutterstock

.

Speriamo di avervi dato idee per guardare con occhi nuovi quell’angoletto di muro dove non sapevate assolutamente cosa mettere. Che non sapevate assolutamente con utilizzare. Non dimentichiamo infine che le cornici sono un ottimo modo per esporre ciò che rappresenta la nostra vita. Come le foto dei bei momenti che ci hanno accompagnato. E non dimentichiamo che non siamo obbligati ad acquistare sempre cornici nuove a prezzi decisamente alti, ma che è possibile trovare questo tipo di oggetti dai rigattieri, nelle cantine, nelle soffitte, nei mercatini dell’usato. Scatenatevi dunque alla ricerca e… buon lavoro.

 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La cornice è nota fin dall’antichità. Tuttavia la sua diffusione si ha con l’apparire del dipinto su legno nel corso del medioevo, in cui il dipinto raffigura  principalmente soggetti sacri.

 

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA