Il mondo del fast fashion è in crisi: il crollo causato dal Covid19

Il lockdown causato dal Covid19 ha provocato numerosi danni. Il mondo del fast fashion è in crisi. In Italia nel settore del pronto moda ha messo a rischio più di 12mila posti di lavoro.

Riflettori puntati sul fast fashion – una moda insostenibile già da tempo

Il lockdown appena passato ha travolto il settore del fast fashion provocando danni miliardari. I riflettori sono puntati sul pronto moda: saracinesche abbassate, ordini saltati, posti di lavoro a rischio e famosi punti vendita rimasti chiusi. Il fallimento del colosso fast fashion americano Forever 21 è l’esempio più eclatante delle difficoltà del sistema della moda low cost. Anche a Milano non riapriranno due negozi H&M e la catena Zara che aveva iniziato la sua discesa già nel 2015, oggi è caratterizzata da gravi difficoltà di ripresa, segno di una moda diventata poco appetibile già da tempo. Caratterizzata da un surplus produttivo insostenibile per il pianeta e da una tensione alla vendita insostenibile per i rapporti umani.

crisi fast fashion

Unsplash foto di morning brew

Centergross – gli effetti del Covid19 sul pronto moda italiano

Anche in Italia la crisi si è fatta sentire. Il Centergross, cittadella italiana del pronto moda, rischia il fallimento. Alcuni marchi importanti come Imperial, Rinascimento, Gruppo Kaos, Kontatto, Vicolo, Souvper hanno chiesto al governo di intervenire per evitare il fallimento. Infatti chiedono finanziamenti agevolati e bonus fiscali per investimenti sul digitale per favorire l’ e-commerce.

Moda etica e moda ecosostenibile, un trend in crescita

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Il ‘fast fashion’ è un modello di moda veloce sorto negli anni Novanta. Questo consiste nel produrre velocemente e a basso costo abiti basati sullo stile di quelli presentati nelle settimane della moda. Modello già in crisi prima della pandemia, a causa dei tempi di vendita, e alle accuse di sfruttamento della manodopera.
  • Crisi della fast fashion è stata annunciata dalla chiusura di 1.200 negozi del gruppo Inditex, che comprende i marchi Zara, Pull&Bear, Stradivarius, Bershka, Oysho, Zara Home, Massimo Dutti e Uterque.
Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.