Vai al contenuto
Giornata Mondiale dell'Emoji

La Giornata Mondiale dell’Emoji: il potere dei simboli nell’era digitale

Condividi L'articolo su

Oggi, 17 luglio, è la giornata dedicata ai piccoli simboli che hanno rivoluzionato il modo in cui si comunica nel mondo online. Le emoji sono diventate una parte essenziale del linguaggio digitale, aggiungendo un tocco di emozione e creatività alle conversazioni virtuali. Giornata Mondiale dell’Emoji: origine della celebrazione e importanza di questi simboli nell’era digitale.

L’origine della Giornata Mondiale dell’Emoji

La Giornata Mondiale dell’Emoji è stata istituita per celebrare l’influenza e l’utilizzo sempre più diffuso delle emoji nella comunicazione digitale. Questa giornata speciale cade il 17 luglio di ogni anno ed è stata introdotta per la prima volta nel 2014 da Jeremy Burge, fondatore del sito web Emojipedia. La data del 17 luglio è stata scelta perché corrisponde all’icona “Calendario” presente sulla emoji dell’emoji standard dei dispositivi Apple.

La rivoluzione delle emoji nella comunicazione online

Le emoji hanno aperto nuove porte nella comunicazione online. Mentre le parole spesso possono cadere nel fraintendimento o nella mancanza di tono, le emoji aiutano ad esprimere emozioni e sentimenti in modo più immediato. Da sorrisi e risate a tristezza e rabbia: queste piccole immagini trasmettono un’ampia serie di significati con un solo ed unico simbolo.

Giornata Mondiale dell'Emoji
Canva

La diversità delle emoji

Le emoji non si limitano solo alle faccine sorridenti o agli oggetti comuni. Nel corso degli anni, l’Unicode Consortium, l’organizzazione responsabile della standardizzazione delle emoji, ha ampliato la gamma di simboli disponibili per includere una maggiore diversità. Ora è possibile trovare emoji che rappresentano anche persone di diversi generi, etnie e orientamenti sessuali, contribuendo ad una rappresentazione più inclusiva e rappresentativa nel mondo digitale.

Come viene festeggiata la Giornata Mondiale dell’Emoji?

La Giornata Mondiale dell’Emoji viene festeggiata in tutto il mondo con eventi e iniziative speciali. Giovani e meno giovani condividono le proprie emoji preferite sui social media, partecipano a giochi a tema emoji e organizzano feste a sorpresa con decorazioni a forma di emoji. L’obiettivo principale di questa giornata è promuovere l’uso delle emoji come strumento di espressione e di comunicazione universale.

Giornata Mondiale dell'Emoji
Canva

Curiosità sulle emoji più popolari

  • La faccina sorridente con le lacrime di gioia è stata votata come l’emoji dell’anno nel 2015 dall’Unicode Consortium.
  • L’emoji “cuore rosso” è una delle emoji più utilizzate su scala globale ed è spesso associata all’amore e all’affetto.
  • La prima emoji creata è stata l’icona “faccina sorridente” nel 1999 da Shigetaka Kurita, un ingegnere giapponese.

Emoji nell’arte e nella cultura popolare

Le emoji sono diventate una forma d’arte a sé stante. Artisti e designer creano opere d’arte ispirate alle emoji, e molti musei e gallerie ospitano mostre tematiche sull’argomento. Inoltre, le emoji hanno conquistato la cultura popolare, apparendo in film, serie televisive e persino nelle sfilate di moda. Questi simboli sono diventati un modo per comunicare, ma anche un’icona di stile e di identità.

Giornata Mondiale dell'Emoji
Canva

La Giornata Mondiale dell’Emoji invita a riflettere sul potere dei simboli nella comunicazione digitale. Le emoji hanno superato i confini delle parole e hanno aggiunto un elemento emotivo alle conversazioni online. Rappresentano una forma universale di espressione che può essere compresa da persone di tutto il mondo, indipendentemente dalla lingua o dalla cultura.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News