Vai al contenuto
Monolocale

Gestione spazio open space: soluzioni per separare gli ambienti senza muri

Condividi L'articolo su

L’open space è diventato una scelta di design molto popolare nelle abitazioni moderne. Questo tipo di ambiente aperto e senza pareti offre una sensazione di spaziosità e fluidità. La gestione di uno spazio open space senza muri può essere affrontata in modo creativo e funzionale. Utilizzando mobili, pavimenti, tappeti, elementi architettonici e piante, è possibile ottenere una separazione efficace degli ambienti senza dover costruire muri. Queste soluzioni consentono di mantenere l’atmosfera aperta e spaziosa degli open space, offrendo allo stesso tempo una divisione visiva e funzionale tra gli spazi.

Salotto cucina open space: una tendenza sempre più apprezzata

Il concetto di un salotto cucina open space è molto di tendenza negli ultimi anni e continua a essere una scelta popolare per chi desidera un’area abitabile spaziosa e aperta. Questo tipo di disposizione offre una sensazione di ampiezza e facilità di movimento.

L’open space tra il salotto e la cucina è particolarmente apprezzato per la sua capacità di favorire la socializzazione e la convivialità. Per le famiglie, questa configurazione consente di trascorrere del tempo insieme senza dover rinunciare ad interazioni e conversazioni durante la preparazione dei pasti.

Inoltre, l’apertura tra salotto e cucina permette di sfruttare al massimo la luce naturale, creando un ambiente luminoso e arioso. Ciò può contribuire a migliorare l’umore e l’atmosfera complessiva della casa.

Dipingere un open space - colori
Unsplash di Kara Eads

Gestione spazio open space: separare con mobili e librerie

Un modo efficace per separare gli ambienti in uno spazio open space è quello di posizionare mobili e librerie in modo strategico. Puoi creare una divisione visiva tra la zona giorno e la zona pranzo, ad esempio, collocando un grande mobile basso tra i due spazi. Questo permette di separare gli ambienti senza ostacolare completamente la vista o la luce. Puoi anche utilizzare librerie alte per creare delle separazioni parziali, mantenendo una sensazione di apertura. Questa soluzione non solo offre una divisione funzionale, ma permette anche di avere ulteriori spazi di archiviazione.

Gestione spazio open space: separare con pavimenti e tappeti

Un’idea interessante per separare gli ambienti in uno spazio open space è utilizzare pavimenti o tappeti diversi per definire le aree. Puoi optare per rivestimenti in materiali diversi, come legno, piastrelle o tappeti, che creano una divisione visiva tra i vari spazi. Ad esempio, puoi utilizzare un pavimento in legno nella zona living e un pavimento in gres porcellanato nella zona pranzo per distinguere i due ambienti. Questo crea un confine virtuale tra gli spazi senza dover intervenire sulle pareti. Inoltre, i tappeti possono essere utilizzati anche come elementi decorativi per aggiungere calore e comfort agli ambienti.

Spazio aperto ufficio
Pexels di Mike van Schoonderwalt

Elementi architettonici e pareti mobili per la gestione di un open space

Se desideri una soluzione più strutturata per separare gli ambienti in uno spazio open space, puoi considerare l’utilizzo di elementi architettonici o pareti mobili. Ad esempio, una parete a libro può essere utilizzata per dividere la zona soggiorno dalla zona studio o creare una camera da letto semi-chiusa. Queste pareti possono essere aperte o chiuse a seconda delle esigenze, permettendo di gestire lo spazio in base all’utilizzo desiderato. Allo stesso modo, le pareti mobili possono essere spostate a piacimento per creare divisioni temporanee o aprire completamente l’open space quando necessario.

Open space con scala
Pexels di
Max Vakhtbovych

Gestione spazio open space: utilizzo di piante e pareti vegetali

Le piante rappresentano una soluzione naturale ed esteticamente gradevole per separare gli ambienti in uno spazio open space. Oltre a fornire una divisione visiva, le piante migliorano anche la qualità dell’aria e creano un ambiente più rilassante e accogliente. Si possono utilizzare arbusti o vasi di fiori, a seconda delle dimensioni e delle preferenze estetiche.

Design Biofilico
Shutterstock Laci_10

Un’alternativa interessante alle piante tradizionali sono le pareti vegetali, anche conosciute come “green wall”. Queste pareti verticali rivestite di vegetazione aggiungono un tocco di natura all’open space e creano una barriera visiva tra gli ambienti senza chiudere completamente lo spazio. Le pareti vegetali sono altamente personalizzabili e possono essere progettate in base alle esigenze di separazione e design dell’ambiente.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News