Ecco il social eating di Airbnb, esperienze di cucina

Airbnb ha lanciato Esperienze di cucina” un nuovo  social eating  focalizzato sulla convivialità e tradizioni di famiglia. Quanto avrà successo?

Non sarà di certo passato inosservato il tweet col quale Brian Chesky lanciava, lo scorso 25 Novembre, il nuovo prodotto Airbnb, Esperienze di cucina.
Si tratta del nuovo ramo di esperienze di Airbnb.
Ci sono 3000 esperienze di cucina sparse in 75 paesi in giro per il mondo. Si va dal cucinare la pasta con una nonna italiana, ai piatti portoghesi con una drag queen, dalla salsa mole con un’indigena messicana al sushi e sakè con un’artista giapponese…
La società spiega che non è da confondrere con la cooking class. Esperienze di cucina ha un altro inento. Quello di ricreare un ambiente intimo, dove le persone possano godere del piacere di cucinare e condividere un pasto assieme, preservando il patrimonio delle ricette di famiglia.

Ricette di famiglia, celebrità e Slow food

Airbnb quando costruisce e offre delle esperienze sembra davvero divertirsi e sbizzarrirsi perchè il ventaglio di offerte è davvero ricco e variegato.
Non trovi solo l’esperienza con personaggi tipici o folcloristici . Spesso è possibile trovare cuochi esperti che ti accompagnano in giro per i mercati locali alla ricerca delle materie prime migliori con una buone dose di degustazione, per poi concludere in bellezza cucinando assieme a loro e imparando qualche trucchetto del mestiere.
Non solo, e su questo Airbnb ha una marcia in più, è possibile cucinare assieme a personaggi famosi. Ad esempio in Italia è possibile preparare il pranzo della domenica assieme a Mara Maionchi nel suo appartamento di Milano. In Spagna lo stesso tipo di esperienza si può fare con la conduttrice Cayetana Guillén-Cuervo o in Messico del famoso chef Enrique Olvera.

Airbnb, per l’occasione, si avvale anche della collaborazione di Slow Food, alla quale ha dedicato una sezione apposita. Esperienze che vengono realizzate dai membri di Slow Food e secondo i principi del buono, pulito e giusto.

L’accento è sull’esperienza

Il minimo comune denominatore delle esperienze sembra essere l’host. Che sia una persona portatrice di una ricetta tradizionale o un personaggio famoso o un cuoco o un ambasciatore di slow food, tutti portano con sè l’elemento di specialità che li rende unici. Di conseguenza anche l’esperienza sarà unica.
Ancora una volta Airbnb pone al centro l’utente costruendogli attorno un pacchetto di esperienze che siano uniche e memorabili.

Per saperne di più: http://www.rentorshare.net/airbnb-esperienze-di-cucina/

 

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Secondo Airbnb, l’1% degli inserzionisti gestisce o possiede più di dieci alloggi

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

 

Post Tags
Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.