Come realizzare il giardino di casa

La bella stagione accende la voglia di uscire all’aria aperta, curare gli angoli verdi della casa ridando luce ai giardini.

Il giardino è lo spazio della casa in cui trascorrere (in compagnia o, perché no, in solitudine) piacevoli giornate soleggiate e serate rilassanti. Consente di entrare in contatto con la natura in qualsiasi posto si viva, anche in città. È importante rendere il giardino un ambiente accogliente arredandolo con cura e coltivando le piante più adatte e che più piacciono. Quando in casa si dispone di grandi spazi esterni, realizzare un bel giardino risulta più semplice perché si ha maggiore libertà nella realizzazione di vialetti, laghetti artificiali, piccoli frutteti, siepi. Ecco allora come progettare il giardino di casa.

1. Progetto e preparazione del terreno

La preparazione del terreno è fondamentale per ottenere i migliori risultati. Estirpare le erbacce, arieggiare e concimare il terreno permetterà di offrire le sostanze necessarie alla fertilità. Successivamente è bene realizzare un progetto organizzando le aiuole. A questo punto è possibile dar vita a diverse tipologie di giardino: i giardini naturali, per esempio, utilizzano le piante tipiche dell’area in cui si vive, rispettano l’ecosistema e necessitano di poca manutenzione perché le piante sono adatte a quella determinata zona.

Come realizzare il giardino di casa

shutterstock Di Romolo Tavani

2. Esposizione solare

Nel posizionare piante, fiori, siepi e arredi, bisogna tener conto delle zone d’ombra e di pieno sole del giardino. Se è in prossimità di altre abitazioni, sarà in ombra per gran parte della giornata. Questo limita nella scelta: sono ideali in tal caso piante e fiori che amano o sopportano l’ombra. Da evitare i sempreverdi. Bene le piante a foglia caduca poiché consentono il passaggio dei raggi solari. Se il giardino ha un’esposizione verso Sud, sarà più soleggiato e bisognerà prediligere piante e fiori resistenti alla siccità e al caldo. I fiori che amano il sole sono, per esempio, la petunia, il geranio e la verbena (necessitano di una costante irrigazione). Nel collocare le piante, inoltre, bisogna attenzionare gli ingombri: occorre evitare che durante la crescita le piante non si diano fastidio a vicenda.

3. Sistemi di irrigazione

In giardino è fondamentale avere un sistema di irrigazione efficiente, manuale o automatizzato. Molto apprezzato è il sistema a goccia. Dei gocciolatoi bagnano in modo uniforme il terriccio in prossimità delle radici, consentendo un grande risparmio d’acqua. Un sistema preciso che migliora anche la salute delle piante perché riduce i rischi di malattie (in quanto le foglie non vengono bagnate) e limita la crescita delle erbacce.

Come realizzare il giardino di casa

shutterstock Di Floki

4. La cura delle piante

Il mese di maggio è il mese delle rose. Bisogna eliminare le erbacce alla base dei roseti nonché le parti sfiorite per favorire lo sviluppo dei nuovi germogli. Fondamentale risulta preparare le pacciamature e mantenere fresche le radici evitando che il terreno diventi arido. Fondamentale anche la concimazione e i trattamenti contro il mal bianco, gli afidi e gli insetti defogliatori.

Come realizzare il giardino di casa

shutterstock Di OlgaPonomarenko

Lauro, agrifoglio, falsocipresso sono piante sempreverdi perfette come recinzione della casa. A maggio è necessario procedere alla potatura dei rami secchi. Un’irrigazione regolare e un’accurata concimazione favoriscono la nascita dei nuovi germogli.

Come realizzare il giardino di casa

shutterstock Di Aleksandar Malivuk

Alberi e arbusti. Conifere, aceri, platani, tigli, acacie richiedono annaffiature periodiche, concimazione e potatura. In questo periodo sono necessari i trattamenti per il controllo delle malattie tipiche primaverili e contro la diffusione degli insetti rodilegno che attaccano rami e tronco distruggendo la pianta.

Bulbose e acidofile. La fioritura di narcisi, tulipani, calle e iris deve essere favorita con la concimazione e tutelata da trattamenti che controllino lo sviluppo di ruggini. Azalee e rododendri necessitano di potatura per un fattore estetico, di pulizia della pianta. Le gardenie vanno protette dal sole. Le acidofile necessitano di una sistematica innaffiatura e vanno concimate.

I giardini verticali

Molto apprezzati risultano oggi i giardini verticali. Dei veri e propri muri verdi ricoperti da piante e fiori. Delle soluzioni funzionali e gradevoli per realizzare aree verdi anche dove non c’è molto spazio. Il pioniere del giardino verticale è stato Patrick Blanc, botanico e studioso parigino. I giardini verticali nascono sulle pareti degli edifici o sulle facciate dei palazzi di tutto il mondo come, ad esempio, il Bosco Verticale di Milano.

Come realizzare il giardino di casa - Bosco Verticale di Milano

shutterstock Di marcociannarel – Bosco Verticale di Milano

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Il giardino verticale non è solo gradevole esteticamente ma ha delle funzioni importanti: riduce l’inquinamento, protegge dalle intemperie e favorisce l’isolamento termico. I “muri verdi” producono ossigeno e contribuiscono al mantenimento della costruzione (assorbono l’acqua piovana riducendo le infiltrazioni). Un altro vantaggio dei giardini verticali riguarda l’isolamento termico: le piante aiutano a controllare i ponti termici, quelle aree della casa che presentano una dispersione di calore. Riscaldare casa sarà più semplice e veloce e i costi in bolletta diminuiranno.
  • Se si è cerca di consigli per organizzare e curare il proprio giardino di casa, sarà utile rivolgersi agli esperti CIFO. L’azienda CIFO, attiva dal 1965 nel settore Giardinaggio e Agricoltura, saprà consigliare i prodotti migliori attraverso un blog ricco e sempre aggiornato.
  • Leggi anche Tante idee per decorare un terrazzo estivo

 cifo

 

 

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web