Bonus Mobili 2020: prorogate di un altro anno le detrazioni

Dalla conchiglia si può capire il mollusco, dalla casa l’inquilino.
Victor Hugo

Prorogato fino al 31 dicembre 2020 il bonus mobili, la detrazione del 50 per cento rivolta a chi acquista mobili ed elettrodomestici a seguito di lavori di ristrutturazione.

Bonus Mobili 2020: prorogate di un altro anno le detrazioni. L’Agenzia delle Entrare riporta che: “Si può usufruire della detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.”

Bonus Mobili 2020: prorogate di un altro anno le detrazioni

Il bonus va così calcolato: “Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.”

Bonus

shutterstock Di Semenova Jenny

Grazie alla Legge di Bilancio 2020, il bonus mobili sarà prorogato anche per gli acquisti effettuati nel 2020 e potranno accedervi tutte le persone che hanno svolto interventi di ristrutturazione a partire dal 1° gennaio 2019. Insieme a questo, è possibile usufruire anche del bonus facciata che prevede la detrazione delle spese per il rifacimento e la ristrutturazione degli edifici esterni, con un risparmio del 36% sul totale.

Bonus Mobili 2020: prorogate di un altro anno le detrazioni

Come bisogna pagare l’acquisto dei nuovi mobili?Per avere la detrazione sugli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.”

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Il termine ristrutturazione viene definito dal vocabolario Treccani come: “Il complesso di interventi con cui si dà nuova struttura a organizzazioni, imprese economiche, fabbricati, ecc. in relazione a determinate esigenze: r. di un appartamento, di un albergo; r. di un complesso industriale, mediante nuovi impianti, nuovi metodi di lavorazione, o con altre innovazioni dirette a rendere il complesso più efficiente e i prodotti più competitivi o più rispondenti alle richieste del mercato.”

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA