Decorare il legno con la tecnica del country painting

Nei paesi di lingua anglosassone è nota come Tole Painting. In Italia viene chiamata Country Painting o Pittura Country. Ecco come realizzarla in casa in modo semplice. 

Parliamo oggi di una tecnica di colorazione molto semplice, che consiste nell’apporre disegni con colori acrilici su supporti di tipologia diversa: legno, vetro, terracotta, metallo.

Quando parliamo di country painting parliamo di un hobby molto divertente che ci permette di decorare oggetti che utilizziamo ogni giorno, e che così trattati possono trasferire all’ambiente un tocco familiare con toni del country. Ma è una tecnica che si presta anche per i riuso di materiali o per realizzare piccoli oggetti regalo.

 

I primi a utilizzare questa tecnica furono i coloni statunitensi, che inventarono la ‘decorative painting’, l’arte di dipingere oggetti di uso quotidiano che poi rivendevano o scambiavano per beni di prima necessità.

Proprio per questo colori e temi sono vicini allo stile country americano, con orsetti, piccoli animali,  bambole, angioletti, cuori, fiori, eccetera.

Il motivo del successo di questa tecnica è dovuto al fatto che non è necessario avere particolari doti artistiche dato che le immagini vengono ricalcate da pattern (cartamodelli) appositamente realizzati che troviamo anche gratuitamente in rete, oppure  nelle riviste a tema che si trovano in edicola.

Di seguito un elenco di materiali utili per iniziare:

  • Scegliere un oggetto da decorare (un ciocco di legno, un vasetto, un piatto, ecc.)
  • Colori acrilici
  • Prodotti come blending gel, vernice trasparente, aggrappante, mordente per craquelé, ecc.
  • Pennelli di varie grandezze
  • Una matita,
  • Un bulino o scalpello a punta per ricalcare il disegno (anche di plastica)
  • Pennarello indelebile
  • Carta vetro
  • Carta per asciugare
  • Una vaschetta per lavare i pennelli

La prima cosa da fare è preparare la superficie che si intende decorare: se abbiamo un materiale come il legno carteggiamolo e copriamolo con del gesso o uno spray primer (turapori). Trattiamo invece il vetro e metallo con una vernice aggrappante.

Ricalchiamo la figura che vogliamo trasferire su una carta da lucido. Quando abbiamo il disegno sulla carta appoggiamolo su carta copiativa sulla superficie da decorare e ripassiamo con un bulino.

Iniziamo a colorare il disegno appena steso. Usiamo possibilmente pennelli a testa piatta per stendere più uniformemente la tinta.

Sempre con un pennello a punta piatta stendiamo il colore. Siccome i colori asciugano rapidamente, usiamo il blending gel,  che ne ritarda l’asciugatura e permette di stenderli meglio.

Per finire passiamo alla lumeggiatura, una tecnica che permette di aumentare maggiormente la tridimensionalità di un’immagine, e la sua profondità. del disegno. È l’opposto dell’ombreggiatura e si ottiene schiarendo, rispetto al colore di base, le zone che sono in luce.

 

Completiamo il disegno con gli ultimi particolari, coprendo con vernice trasparente, tradizionalmente opaca.

 

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA