5-10 marzo: la settimana dei musei gratis in Italia

Udite, udite!

La settimana che è alle porte riserva per tutti gli appassionati d’arte una sorpresa davvero allettante.

Infatti, a partite da martedì 5 marzo, sino alla domenica successiva, il giorno 10, i musei statali d’Italia saranno aperti al pubblico. Fin qui nulla di strano, se non fosse che si potrà accedervi senza dover pagare alcun biglietto! Ecco i dettagli della settimana dei musei gratis.

Pixabay.com

Quest’anno l’iniziativa dei musei gratis è stata promossa dal ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Alberto Bonisoli, al fine di invitare i curiosi a visitare i musei statali. Si è scelto di implementare il numero di visite nella prima settimana di marzo, in quanto negli anni passati si è registrato un calo di presenze, così, per risollevare lo standard, si è pensato di aprire le porte di collezioni museali, chiese, aree archeologiche e musei.

In un certo senso si sono volute emulare le Giornate del FAI, avendo notato l’indiscusso successo di pubblico che caratterizza la manifestazione ogni anno.

Così, se le nostre belle città d’arte rimanevano di solito assopite in queste ultime settimane d’inverno, questo marzo saranno affollate da gruppi di turiste e di famiglie che, in concomitanza con le vacanze di carnevale, potranno dedicarsi all’arte e saranno in grado di godere appieno delle bellezze della nostra Penisola.

Inoltre, la settimana comincia prima, visto che domenica 3 marzo, 480 musei ed aree archeologiche e monumenti in tutt’Italia saranno aperti al pubblico in forma gratuita, come riporta il sito del MiBac.

L’iniziativa ‘Domenicalmuseo’ accompagna gli italiani nei musei durante la prima domenica di ogni mese. Per i curiosi si può consultare l’apposita sezione dedicata all’iniziativa dal sito del Ministero, selezionando la regione che vi interessa (iovadoalmuseo.beniculturali.it).

Vi proponiamo un assaggio di alcuni luoghi d’interesse più noti che aderiscono all’iniziativa della settimana dei musei gratis:

TORINO:
Il sistema dei Musei Reali raccoglie autentiche perle, con le collezioni museali dei Savoia: l’armeria, le raccolte di arte antica, la pinacoteca sabauda, i giardini, la Cappella della Sindone nel vicino Duomo sono solo alcune delle sezioni ad accesso libero in concomitanza con l’iniziativa.

 

MILANO:

Il Castello Sforzesco è, assieme al Duomo, il simbolo di Milano, ma forse non tutti sanno che è anche uno dei castelli più grandi d’Europa, con la sua piazza d’armi e con i musei che custodiscono preziosità medievali, la celeberrima ultima opera scultorea di Michelangelo, la Pietà Rondanini, la Sala delle Asse affrescata da Leonardo. Anche il vasto museo degli strumenti musicali catturerà la vostra attenzione, e non sarà da meno la Pinacoteca di Brera, con i suoi inestimabili tesori di pittura.

 

VENEZIA:

La Serenissima non delude mai, per questo ha scelto di aprire le porte della Galleria dell’Accademia, assieme al Museo d’Arte Orientale e a Palazzo Grimani con l’annesso museo. La Galleria Franchetti alla Ca’ d’Oro, oltre alle collezioni d’arte conservate, offre uno scorcio privilegiato sul Canal Grande dalle elaborate finestre gotiche.

 

FIRENZE:

La Culla del Rinascimento offre inesauribili spunti per una gita fuori porta all’insegna della cultura e sarà ardua la scelta dei musei da visitare. Il nostro consiglio è di organizzarsi in anticipo, in modo da evitare le lunghe code che immancabilmente vi faranno riconoscere la vicinanza del museo. Nella settimana dei musei gratis è probabile che siano anche più lunghe del solito. In particolare la Galleria degli Uffizi aprirà le porte al pubblico alle 8,15 di mattina, così come le Cappelle Medicee in San Lorenzo entro cui potrete ammirare le sculture delle tombe di Giuliano e Lorenzo de’ Medici, capolavori del genio di Michelangelo. Se avrete la pazienza di attender il vostro turno in coda, anche la Galleria dell’Accademia sarà lieta di accogliervi.

Vi suggeriamo vivamente di consultare il sito del MiBac per accertarvi degli orari dei singoli musei.

 

PERUGIA:

Il capoluogo dell’Umbria, sorta nel corso dei secoli sui monti tufacei, nasconde numerose gallerie sotterranee. Si potrà accedere gratuitamente ad uno di questi percorso Ipogeo dei Volumni e alla Necropoli etrusca del Palazzone che vi lascerà senza fiato per la sorpresa di trovarmi davanti a tombe antichissime. Anche la Galleria Nazionale dell’Umbria non sarà certamente da meno, sita proprio nel bel centro storico.

 

ROMA:

Anche qui sembra quasi che, per voler sfruttare al meglio l’opportunità, si debba spendere un’intera settimana! Le numerose gallerie d’arte, tra cui la Galleria Borghese, la Galleria Spada e la Galleria Corsini sono solo alcune delle pinacoteche della capitale. Se invece preferite dedicarvi all’archeologia potete mettervi in coda per accedere agli scavi nel Parco Archeologico sul Palatino o spostarvi a Ostia Antica, una Pompei a due passi da Roma.

Non mancate di approfittare della settimana dei musei gratis!

Unsplash.com

ANDRIA:
La Puglia partecipa a questa iniziativa culturale con il mitico ed enigmatico Castel del Monte, la residenza della dinastia degli Svevi, perfetta nella sua geometria e possente al culmine del colle roccioso che domina la piana sino alla costa adriatica. Non fatevi scappare l’opportunità di fotografare il cielo plumbeo incorniciato dalla corte ottagonale di questo sito UNESCO!

Pixabay.com

NAPOLI:

Il capoluogo campano vi sazierà di bellezze artistiche e culinarie… potete starne certi! Vi suggeriamo di raggiungere la Certosa di San Martino per godere del panorama sul Golfo più ammirato al mondo dagli artisti del passato che lo impressero sulle loro tele, oggi esposte nelle gallerie di Napoli: il Museo di Capodimonte, il Palazzo Reale, ma anche al Museo del Novecento presso Castel Sant’Elmo sapranno affascinarvi.

 

CAGLIARI:

Non solo spiagge da sogno e villaggi arroccati sui monti: la Sardegna preserva anche magnifiche collezioni d’arte. A Cagliari si potranno visitare liberamente la Pinacoteca Nazionale, la Basilica di San Saturnino il Museo Archeologico, ricco di testimonianze dei popoli che hanno colonizzato l’isola nel corso dei millenni.

 

Avete preso nota delle prossime mete?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Sono 4.889 i musei italiani aperti al pubblico
  • Nel 2017 è stato registrato un record storico assoluto di visite: oltre 119 milioni di ingressi
  • Scopri altre curiosità sui musei italiani nel nostro articolo Indagine Istat: tutti i dati dei musei italiani

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Written by