Ecco qual è il materiale migliore per gli infissi

Se stai ristrutturando casa o hai intenzione di cambiare gli infissi di un immobile e ti stai chiedendo il qual è il materiale migliore per gli infissi, ecco qualche chiarimento sull’argomento.

Il materiale più usato per gli infissi

Il materiale più adottato per la costruzione degli infissi in casa si divide in:

  • Alluminio
  • Legno
  • PVC

In realtà, esistono tantissimi altri materiali per gli infissi, ma questi tre sono, in generale, in più proposti dai serramentisti.

Il migliore materiale per gli infissi per noi è il legno e alluminio a taglio termico. Vi spieghiamo in questo articolo perché.

Agevolazioni prima casa: cosa c’è da sapere

Quando si parla di materiale per gli infissi non ci si limita solo all’aspetto estetico o al conto economico, ma si fa riferimento soprattutto a tutte quelle caratteristiche che rispondono a particolari esigenze, quali isolamento termico o acustico e non solo. Vediamo quali sono.

Caratteristiche degli infissi ideali: isolamento acustico, termico, sicurezza e funzionalità

Ovviamente la scelta del materiale migliore per gli infissi dev’essere fatta in funzione delle necessità. In generale, gli infissi ci devono garantire:

Una buona tenuta al carico del vento, all’aria e alla pioggia;
Isolamento termico;
Isolamento acustico;
Una buona dose di sicurezza;
Funzionalità;

E non dimentichiamo, inoltre, che anche “l’occhio vuole la sua parte” e che, dunque, il design degli infissi deve essere affinato in base al nostro gusto.

Tutte queste caratteristiche le troviamo negli infissi legno-alluminio a taglio termico; indubbiamente non tra le scelte più economiche all’acquisto, ma che si rivela la più conveniente nel tempo.

Sapevi che infissi non ben isolanti provocano la dispersione del 23% del riscaldamento domestico in inverno? Il 23% della tua bolletta del riscaldamento finisce letteralmente fuori dalla finestra. Ecco perché la scelta degli infissi non può limitarsi a una questione di prezzo al momento dell’acquisto: esistono molti criteri da tenere in considerazione che hanno un forte impatto sui consumi, sulle spese e sulla qualità di vita col passare del tempo.

Infissi legno-alluminio a taglio termico: perché è il migliore materiale per i serramenti

Il primo motivo della scelta del legno-alluminio è fondamentalmente la bellezza, la naturalezza e il calore che solo il vero legno può trasmettere al tatto, alla vista e all’olfatto.

Infissi legno-alluminio a taglio termicoIl secondo motivo legato al primo può essere l’ecologia, è una finestra che rispetta la natura ed è eco-sostenibile.

L’isolamento termico naturale del legno è indiscutibile ed è uno dei principali motivi. Tieni presente che l’isolamento del legno varia molto in funzione del tipo di legno scelto, se tenero o duro. Ad esempio una finestra in pino/abete isolerà sempre di più di una in rovere.

L’isolamento termico migliora la nostra casa

La durata nel tempo è un fattore veramente fondamentale, gli infissi legno-alluminio hanno questa freccia nel loro arco. L’alluminio esterno protegge il legno e rende la finestra quasi eterna.

L’assenza di manutenzione. Non occorrerà riverniciare le finestre come quelle in solo legno. Anche a livello di stabilità, il legno lamellare è molto resistente e non necessita di regolazioni frequenti.

Grandi dimensioni. Il legno lamellare permette di costruire infissi molto grandi con spessori in vista ridotti. Non si raggiungono le dimensioni maxi dell’alluminio ma si ottengono ottimi risultati sia come dimensioni sia come la possibilità di avere un effetto “tutto-vetro” in totale tranquillità.

In ultimo ma a volte fondamentale, come per gli infissi in alluminio la possibilità di avere qualsiasi tipo di colore. Verniciatura e ossidazione con combinazioni di colori pressoché infinite per la parte esterna. Verniciatura, poro aperto, legno naturale o spazzolatura sono alcune delle possibilità di finitura per il legno interno. Le combinazioni sono superiori all’immaginazione.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

Le finestre che hanno un’età superiore a 15 anni iniziano ad invecchiare. Questo è un buon momento per iniziare a valutarne l’efficacia. Se noti un sacco di umidità o condensa tra i vetri delle tue finestre, sarebbe il caso di chiedere un consiglio ad un esperto: potrebbero esserci parti usurate o le finestre potrebbero essere state installate in modo sbagliato.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by