Agevolazioni prima casa: quali sono i requisiti?

L’agevolazione acquisto prima casa consiste nella riduzione dell’imposta di registro o dell’Iva dovuta sull’acquisto della prima casa, appunto, sul territorio nazionale. Ecco tutto quello che c’è da sapere per evitare di incorrere in banali errori.

Per chi sta per acquistare il primo immobile è bene sapere che in Italia è possibile usufruire di benefici statali utili a di ridurre l’importo dell’Iva o dell’imposta di registro dovute all’acquisto. Ma quali sono i requisiti per usufruire delle agevolazioni prima casa?

Agevolazioni prima casa

I benefici per l’acquisto della prima casa hanno l’obiettivo di agevolare ed incentivare le compravendite nel mercato immobiliare. In particolare, l’agevolazione è circoscritta a tutti quei soggetti che decidono di stabilire la propria residenza anagrafica nel comune in cui si trova l’abitazione. Tuttavia, oltre a questa clausola, è bene sapere, che caratterizzano l’agevolazione prima casa, anche altri particolari requisiti.

agevolazioni prima casa

Agevolazioni prima casa: quali sono i requisiti? – pexels di terry magallanes

Che cos’è l’agevolazione per l’acquisto prima casa?

Chi intende acquistare la prima abitazione in Italia, nel rispetto di determinate condizioni può godere di questa particolare agevolazione, che prevede la riduzione dell’imposta di registro, o dell’Iva richieste al momento dell’acquisto dell’immobile. Nel caso in cui l’acquisto avvenga tra privati è scontata l’applicazione dell’imposta di registro. Mentre se l’acquisto dell’immobile avviene presso un’impresa, lo sconto avviene nell’applicazione dell’Iva.

Disciplina del prezzo per l’acquisto della prima casa con imposta di registro

Quando la compravendita avviene tra privati, come visto in precedenza, è prevista l’applicazione dell’imposta di registro, a norma dell’art. 1, comma 497 della Legge n. 266/05, solo se si rispettano determinati requisiti. Infatti, è necessario che:

  • la cessione sia posta in essere nei confronti di persone fisiche,
  • la compravendita abbia ad oggetto un immobile ad uso abitativo e relative pertinenze,
  • l’acquirente renda al notaio, all’atto della cessione, un’apposita richiesta di determinazione della base imponibile utilizzando il criterio catastale,
  • entrambi le parti indichino in atto il corrispettivo pattuito.

Decreto Rilancio: tutte le novità sui Bonus Edilizia

Requisiti necessari per usufruire delle agevolazioni prima casa

Per poter usufruire delle agevolazioni prima casa, l’acquirente dell’immobile deve essere in possesso di determinati requisiti. In particolare, è necessario che siano attestate con apposita dichiarazione, da inserire nel rogito notarile di compravendita. Inoltre, è necessario che l’acquirente dell’immobile dimostri i seguenti aspetti:

  • Che l’acquisto dell’immobile abitativo sia avvenuto tramite un atto negoziale tra più soggetti. In particolare deve trattarsi di: atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione e atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso e dell’abitazione relativi alle stesse. Questi atti, da presentare al momento della registrazione della richiesta per usufruire delle agevolazioni prima casa, possono essere indifferentemente stipulati in maniera pubblica, con atti giudiziari e, scritture private autenticate o non autenticate.

Le condizioni previste nel rogito notarile:

  • L’immobile deve essere ubicato nel territorio del Comune in cui l’acquirente vuole stabilire la propria residenza o svolgere la propria attività lavorativa. Ciò è valido se l’acquirente vive all’estero per ragioni lavorative e l’immobile è acquisito come prima casa sul territorio italiano.
  • Al momento dell’acquisto non si deve essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietàusufruttouso e abitazione di un’altra abitazione nel territorio del Comune in cui si vuole acquistare l’immobile.
  • Infine, è necessario dimostrare di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale, su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietàusufruttousoabitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata con le stesse agevolazioni.

Ristrutturare casa per renderla più efficiente: quali interventi valutare?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Anche i soggetti fiscalmente residenti all’estero, solo se iscritti all’AIRE, hanno la possibilità di usufruire dell’agevolazione prima casa. Questi possono acquistare un immobile in regime agevolato, senza obbligo di trasferire la propria residenza. Ovvero è possibile effettuare un acquisto agevolato di immobile in Italia attraverso una locazione che metta a reddito l’immobile. In pratica questa è un’agevolazione nell’agevolazione, che dà la possibilità ai non residenti di sfruttare a pieno l’agevolazione per l’acquisto della prima casa in Italia.
  • È bene sapere che l’agevolazione prima casa non riguarda le abitazioni di lusso, a prescindere dai requisiti dell’acquirente. A questo proposito per abitazioni di lusso, si intendono le abitazioni di tipo signorile, le ville, i castelli e i palazzi.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.