“In viaggio con De Nittis”, l’arte invade gli aeroporti di Puglia

È stata inaugurata ieri all’Aeroporto Karol Wojtyła di Bari la mostra In viaggio con De Nittis”, una esposizione artistica, nata dalla collaborazione tra Aeroporti di Puglia, Comune di Barletta,  città di origine del maestro, MiBACT e della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta – Andria – Trani e Foggia che hanno autorizzato il prestito delle opere. 

 

“In viaggio con De Nittis” Testimone della Puglia nel mondo

Una mostra che nasce dalla volontà di promuovere le eccellenze culturali pugliesi nel luogo che accoglie i visitatori che giungono in Puglia da tutto il mondo. Un’iniziativa che ha visto un primo appuntamento all’aeroporto di Brindisi con la mostra sull’archeologia subacquea del Salento e che ha l’obiettivo di espandersi ad altre iniziative che possano coinvolgere tutti i Comuni, Musei, Pinacoteche ed imprese sul territorio, stimolando nuove collaborazioni al fine di creare un calendario di esposizioni che promuova l’arte e la cultura pugliese anche in luoghi come gli aeroporti, per offrire un primo assaggio delle bellezze e della cultura che troveranno visitando il territorio.

“Celebriamo oggi questi dipinti, la storia e lo spirito del suo Autore, ponendoli alla portata di tutti  consapevoli che l’attrattività e la conoscenza di un territorio non passano solo dai panorami, dall’incanto del mare, dalla buona cucina e dalla sua naturale capacità di  ospitare, ma anche dal patrimonio culturale che una comunità sa far nascere e custodire: solo in tal modo il viaggio si trasforma in una intensa esperienza che ci lega in maniera forte con i luoghi e i valori che da essi promanano.” – Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti

La mostra è stata inaugurata dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dall’Assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone, dal Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito e dal Vice Presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile e sarà visitabile fino al 10 novembre.

“Oggi celebriamo la cultura che va nei luoghi dove la comunità si riunisce e si incontra con il mondo – ha detto il presidente della Regione Puglia  Michele Emiliano – quindi De Nittis che arriva ad Aeroporti di Puglia e si esibisce con la sua arte straordinaria. Uno dei tre quadri ricorda il paesaggio di Costa Ripagnola, ricorda quindi a noi tutti che la bellezza, che è stata custodita negli anni e che presto diventerà un parco, è una bellezza che non poteva sfuggire e non è sfuggita a un grande artista. Noi ci sentiamo pugliesi anche grazie a chi, molti anni fa, seppe catturare la nostra bellezza trasformandola in una attrazione per tutto il mondo. Ecco perché questo tributo alla città di Barletta e a De Nittis negli Aeroporti di Puglia”.- Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano

“In viaggio con De Nittis”

Le opere esposte

In esposizione tre opere dell’artista barlettano, che fanno parte della collezione ospitata nel Palazzo Della Marra, sede della Pinacoteca comunale Giuseppe De Nittis di Barletta. Qui in esposizione ci sono più di 200, fra oli, pastelli, acquerelli, incisioni e disegni, donati alla città natale dell’artista nel 1914 dalla vedova Léontine Grouvelle. De Nittis partì da Barletta a soli 15 anni e visitò le più grandi città italiane ed europee stabilendosi nel 1867 a Parigi dove fu insignito a 32 anni della Legion d’Onore, portando con sé il genio artistico e la bellezza della Puglia. 

Le opere selezionate per questa mostra raffigurano elementi importanti della produzione artistica di Giuseppe De Nittis, i paesaggi pugliesi e i ritratti, su tutti quelli dell’amata moglie Léontine Lucile Grouvelle, la sua Titine. In esposizione: Paesaggio con fenicotteri, olio su tavola del 1873, Primavera, olio su tela del 1879 e Busto di donna con cappellino, olio su tela, ritratto della consorte Léontine e musa ispiratrice dell’artista. 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • All’artista barlettano sarà dedicata anche la mostra “De Nittis e la rivoluzione dello sguardo” a Palazzo dei Diamanti di Ferrara dal 1 dicembre 2019 al 13 aprile 2020.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province