Alla scoperta di Bergamo: la città, gli abitanti, cosa visitare e mangiare

L’Appuntamento con l’Habitante Viaggiatore oggi vi accompagna a Bergamo: scopriamo insieme i luoghi e gli appuntamenti da non perdere per conoscere questa città e la sua provincia.

 

Alla scoperta della città di Bergamo

Siamo in Lombardia, a Bergamo, conosciuta per le sue due città: la Città Alta, che si trova sui colli e domina la pianura sottostante, chiamata Bergamo Alta, e Bergamo Bassa, la parte più moderna con le architetture anni venti di Marcello Piacentini. Nucleo storico, la Città Alta è di origine medievale, raggiungibile percorrendo sentieri in salita o scalinate che si arrampicano sui colli. Oppure con la storica funicolare che collega il centro della città contemporanea al cuore di quella antica dalla quale si può ammirare un panorama indimenticabile. Nella parte alta l’Orto Botanico Lorenzo Rota e, sotto porta San Giacomo, l’orto sociale, un’area pubblica, recuperata e coltivata, aperta a tutti i cittadini che coinvolge volontari, persone con disabilità e le scuole, in diversi progetti di comunità. A separare la parte alta da quella bassa le Mura Venete che circondano tutta la Città Alta. Lunghe circa 5 chilometri, furono costruite alla Repubblica di Venezia tra il 1561 e il 1588, sono state dichiarate patrimonio dell’Umanità Unesco. In Piazza Vecchia il Palazzo della Ragione e Palazzo Nuovo che ospita la Biblioteca Civica Angelo Mai e gli Archivi storici comunali. Una delle più ricche biblioteche storiche italiane di conservazione, aperta dalla metà del Settecento. Ed anche la Basilica di Santa Maria Maggiore, costruita nel 1137, che custodisce uno dei capolavori di Lorenzo Lotto. Nella parte bassa da visitare la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, GAMeC, dove poter ammirare numerose opere tra le quali le Raccolte Spajani, Manzù e Stucchi, De Pisis, Balla e Boccioni. E poi l’Accademia Carrara con le opere di Botticelli, Bellini, Raffaello, Tiziano, Lotto e il grande ritrattista bergamasco Moroni, ma anche preziosi nuclei di arti decorative, dai ventagli alle porcellane, dai bronzetti alle medaglie. Mentre a Borgo Canale si trova la casa-museo di Gaetano Donizetti, cui è intitolato anche il Teatro in piazza Cavour. 


Gli abitanti di Bergamo: quanti sono e come si chiamano?

Gli abitanti di Bergamo si chiamano bergamaschi e in totale sono 121.639 di cui 57.501 uomini e 64.138 donne.

Tutti i comuni della provincia di Bergamo

I comuni limitrofi sono 14: (in ordine alfabetico)

Orio al Serio, Gorle, Torre Boldone, Ponteranica, Sorisole, Azzano San Paolo, Seriate, Lallio, Mozzo, Curno, Valbrembo, Treviolo, Stezzano, Paladina.

Le frazioni sono 12: (in ordine alfabetico)

Astino, Boccaleone, Borgo Palazzo, Longuelo, Fontana, Grumello del Piano, Campagnola, Colognola, Celadina, Redona, Valtesse, San Vigilio.

https://www.comune.bergamo.it/


shutterstock_1165076617_By Ester Lo Feudo

 

Alla scoperta della provincia di Bergamo

La provincia di Bergamo vanta oltre 400 chilometri di piste da sci d’inverno, percorsi per il trekking e percorsi per gli appassionati di cicloturismo. Un vero paradiso per gli appassionati delle vacanze tra sport e natura. Le stazioni sciistiche più conosciute si trovano a Foppolo e Carona, in Val Brembana, a Monte Pora, in Valle Seriana, e a Schilpario e Colere, in Valle Scalve. Qui durante l’estate è possibile seguire percorsi per il trekking o l’equitazione, come lungo il Sentiero delle Orobie o il Sentiero dei Fiori. Ma anche arrampicate, rafting sui fiumi dalle montagne Orobie o discese nella Grotta delle Meraviglie a Zogno o in quelle della Valle Imagna e Val Cavallina. La zona di Bergamo è perfetta anche per chi ama godere di pace e relax, qui ad esempio ci sono le terme di San Pellegrino. Mentre per chi vuole trascorrere una giornata al lago da vedere sono Lovere e Sarnico, che si affacciano sul lago d’Iseo, e i borghi vicini al Lago d’Endine. Ma anche borghi storici come come Clusone, con il suo Oratorio dei Disciplini e gli affreschi della Danza Macabra, e patrimoni Unesco come la cittadina di Crespi d’Adda.

 

Gli appuntamenti da non perdere

Tra gli appuntamenti da non perdere il Salone del Mobile e del Complemento d’arredo di Bergamo, che si terrà dal 16/18 e dal 22/24 Novembre. In questo territorio infatti sono numerose le aziende presenti, molte delle quali marchi storici del settore arredo, come Alias, Pedrali e Foppapedretti. Appena concluso invece FORME, la rassegna dedicata alle eccellenze del formaggio, una manifestazione riservata interamente all’arte casearia, giunta alla sua 4° edizione, che si svolge a Bergamo, territorio che vanta 9 delle 50 DOP nazionali. Ottobre è anche il mese dedicato alla scienza con Bergamo Scienza, festival internazionale che dal 2003 riunisce studiosi e Premi Nobel, scienziati e artisti, coinvolgendo in seminari e workshop oltre 150.000 partecipanti. Il 12 novembre invece prenderà il via il festival lirico dedicato a Gaetano Donizetti. Ed ancora, tra gli appuntamenti annuali da non perdere, DIMORE & DESIGN, un appuntamento nato con lo scopo di rendere fruibile il patrimonio artistico, storico, culturale di Bergamo e del suo territorio grazie alla fusione tra storia e design che da qualche anno tocca anche le città di Brescia e Bologna. E poi i Mercatanti, i mercatini che riempiono il centro della città di bancarelle provenienti da tutta europa.

 

I piatti tipici da assaggiare

Come abbiamo visto, il territorio Bergamasco è famoso per i suoi formaggi, dei quali ben nove hanno ottenuto il riconoscimento della Dop. Tra questi il Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana è uno dei più apprezzati. Piatto tipico sono anche i casoncelli, dischi di pasta con un cuore di carne tritata di manzo e maiale serviti con burro fuso insaporito con salvia e pancetta. Poi il salame della bergamasca, la salsiccia, il cotechino e la polenta, di farina di mais o di grano saraceno, accompagnata da sughi di carne o nella versione Taragna, con pezzi di formaggio d’alpe fresco e burro. Come dolce da assaggiare c’è la Torta Donizetti, una ciambella morbida con l’aggiunta di ananas e albicocche candite, accompagnata da una salsa alla vaniglia e maraschino. Mentre tra i vini il Valcalepio DOC e il Moscato di Scanzo, vino rosso da dessert, la DOCG più piccola d’Italia, prodotto solo sulle colline del comune di Scanzorosciate. 

 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • A Bergamo si può assistere ancora ad un’antica usanza che avvertiva i cittadini della chiusura delle porte della città, infatti ogni sera alle 22.00, la torre civica della principale piazza della Città Alta, detta il Campanone, rintocca per 130 volte.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province