Tutte le proprietà della pianta di iperico

La pianta di iperico è una pianta officinale perenne e sempreverde della famiglia elle Clusiacee e ha grandi proprietà, soprattutto antidepressive.

Malva, tutte le proprietà di questa pianta benefica

Cos’è la pianta di iperico?

Il suo nome, che significa perforare, indica le numerose ghiandole che la fanno apparire bucherellata. Nei margini sono presenti dei piccoli punti neri di ipericina, principio attivo dell’iperico.

È una pianta originaria delle isole britanniche e in Italia è presente ovunque. I suoi fiori vengono messi a essiccare in un luogo ventilato.

I fiori sono la parte più interessante. Sono cinque petali di colore giallo-oro riuniti in corimbi multiflori. Sfregandoli sgorga una linfa rossa contenente i principi attivi. La fioritura della pianta di iperico avviene da giugno ad agosto.

In particolare, i fiori e le foglie contengono:

  • naftodiantroni (l’ipericina e la pseudoipericina),
  • floroglucinoli (l’iperforina e l’adiperforina),
  • flavonoidi (l’iperoside, la quercitrina e l’isoquercitrina)
  • tannini catechinici,
  • acido caffeico e clorogenico,
  • pectine,
  • mucillagini,
  • sostanze tanniche.

Proprietà della pianta di iperico

L’iperico è perfetto per curare la depressione psicogena e i disturbi nervosi causati da disfunzioni endocrine. Inoltre riequilibra il tono dell’umore e ha effetti ansiolitici.

Viene però sconsigliato l’uso dell’iperico se si stanno assumendo farmaci a base di indinavir e altri farmaci antiretrovirali per la terapia dell’infezione da HIV-1, warfarin, ciclosporina, teofillina, digossina, contraccettivi orali. Contattare quindi sempre un medico prima di assumerlo.

Ha anche proprietà antisettiche, disinfettanti, decongestionanti e balsamiche. Si utilizza nelle insufficienze epatiche, nell’enuresi e nelle digestioni difficili. Ha effetti vaso protettori del circolo capillare e ha un’attività ipotensiva, cioè in grado di ridurre la pressione arteriosa.

Olio di iperico

Uno degli utilizzi più comuni dell’iperico è quello esterno, attraverso il suo olio rosso. Rimedia al meglio le lesioni della cute, dalle ustioni alle piaghe e alle ferite di diverso tipo. Per scottature e ustioni lievi può essere applicato direttamente sulla pelle. Serve anche a cicatrizzare le lesioni, anche gravi come escoriazioni, le abrasioni, gli eritemi, senza provocare raggrinzamenti della pelle.

3 Fiori commestibili da raccogliere nel bosco in inverno

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’olio viene usato anche per effettuare massaggi e frizioni. Lenisce i dolori provocati dalle contusioni e ne velocizza la guarigione, facilitando il riassorbimento dell’ematoma e riducendo il gonfiore.
  • Se conservato correttamente, l’olio d’iperico riesce a preservare le sue proprietà balsamiche per un periodo di circa due anni.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post