Nel bellissimo e pluri premiato film The Martian (Sopravvissuto) del 2016, diretto da Ridley Scott, il protagonista Matt Damon fa crescere in una piccola serra alcune patate per poter sopravvivere su Marte. Grazie a questo stratagemma riuscirà a sopravvivere per 549 sol, pari a 564 giorni terrestri (18 mesi)

Nella immagine seguente una foto che diventò virale sui social scattata in un supermercato che mostra il DVD di The Martian in vendita accanto ad alcune casse di patate. Lo scatto ottenne in poche ore milioni di visualizzazioni. La trovata pubblicitaria sarebbe stata ideata dall’azienda di patate The Albert Barlett potato che, come scrive ‘Factually’, avrebbe un accordo con la Twentieth Century Fox per usare il volto di Matt Damon per  promuovere la vendita delle sue patate. Quelle rosse, ovviamente.

Potatoes

.

Le patate sopravvivono anche su Marte

Gli esperimenti finora condotti dall’International Potato Center – cita un articolo di Repubblica – dimostrano che coltivare patate su Marte è possibile. Si tratta di un tubero che resiste dove altre piante non ce le fanno. Una ricerca che sarà utile anche per le popolazioni che vivono nei luoghi più aridi e inospitali della Terra.

Ma vediamo ora  come si conserva questo tubero tra le mura domestiche.

Come conservare le patate?

Le patate durano più a lungo sul bancone della cucina rispetto alla maggior parte di frutta e verdura, ma alla fine iniziano a produrre germogli verdi e perdono un po’ della loro freschezza e sapore. Sapendo come conservarle correttamente, rimarranno settimane fresche, o forse anche mesi, più a lungo.

Tutto ciò che serve per conservarle in modo che rimangano fresche più a lungo è una scatola di cartone, un sacchetto di carta o di rete o un cestino. Le patate dureranno dai quattro ai sei mesi se conservate correttamente.

In questo video i consigli di ViviDanone.it le buone regole per conservare le patate.

Alcuni consigli pratici

Si tratta di applicare alcune semplice accortezze, che dovrebbero essere seguito esattamente per i migliori risultati.

Ispeziona tutte le patate per individuare punti deboli, germogli, muffe, danni alla pala e danni ai parassiti. Solo le patate perfette sono adatte per la conservazione a lungo termine.

Metti le patate in una scatola di cartone, un sacchetto di carta, un sacchetto a rete o un cestino per garantire una buona ventilazione. I sacchetti di plastica non permetteranno loro di respirare e ne ridurranno notevolmente la durata, quindi rimuovili da un sacchetto di plastica se li hai portati a casa in uno.

Le patate non devono essere conservate in frigorifero. Vanno conservate al buio

Conserva le tue patate in un luogo fresco, non umido e buio (da 8° a 10° C è l’intervallo di temperatura ideale). Se hai un seminterrato non riscaldato, è un posto perfetto per le  patate. Un garage isolato o un capannone potrebbero funzionare anche durante l’inverno. Non conservare mai le patate in frigorifero. La temperatura troppo fredda trasforma l’amido di patate in zucchero.

Controlla regolarmente le tue patate e rimuovi quelle che sono morbide, avvizzite o germogliate in modo da non far peggiorare più patate. Anche se le tue patate sono germogliate, sono ancora sicure da mangiare purché siano sode al tatto e non siano avvizzite.

La Patata di Bologna DOP: eccellenza del territorio emiliano

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Non lavare le patate fino a quando non si è pronti per usarle.
  • Tieni le patate lontano da altri prodotti per impedire il trasferimento di aromi e la maturazione precoce. È particolarmente importante tenere le patate lontano dalle cipolle. Entrambi rilasciano gas che maturano l’altro.
  • Le patate acquistate in negozio vengono solitamente spruzzate con inibitori della crescita che ne rallentano la germinazione.
  • Cerca di conservare non più patate di quelle che puoi usare in autunno e in inverno.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

La foto di copertina è di Keeper667 da Pixabay

Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.