Cantina Mesa: quando la viticoltura incontra il design.

I vini bevibili soprattutto con amore sono come le belle donne, differenti, misteriosi e volubili, ed ogni vino come una donna va preso.
Comincia sempre col rifiutarsi con garbo o villania, secondo temperamento e si concede solo a chi aspira alla sua anima, oltre che al suo corpo.
Apparterrà a colui che la scoprirà con delicatezza.

Luigi Veronelli

Quando la natura ha compiuto la sua opera straordinaria, portando a maturazione il frutto della vite, l’uva deve essere raccolta e portata in un posto sicuro: la cantina. Un luogo mistico, dove avviene ogni anno il magico processo di fermentazione, che da vita ad un liquido prezioso: il vino.

Cantina Mesa: quando la viticoltura incontra il design. Le cantine hanno avuto un ruolo fondamentale nella storia della civiltà umana. Secondo alcune teorie, l’uomo è diventato essere sociale dopo che ha iniziato a trasformare l’uva in vino. Dalle prime rudimentali tecniche, la vinificazione si è evoluta nel corso della storia ed ha accompagnato ogni epoca con particolare rilievo. Di conseguenza anche la struttura delle cantine hanno subito questo processo, mutando in base agli usi e costumi di gran parte delle civiltà antiche, medievali e contemporanee. Oggi infatti, la progettazione della cantina è una parte fondamentale per l’economia di un’azienda vitivinicola. Funzionalità, facilità di pulizia, risparmio energetico, movimentazione dei mosti; sono solo alcuni dei fattori che vanno a influenzare la disposizione degli ambienti. Da qualche tempo però, c’è un altro aspetto che è molto considerato dai progettisti: il design estetico della struttura.

sardegna

shutterstock Di Stefano Garau

Cantina Mesa: quando la viticoltura incontra il design

La Cantina Mesa è un esempio di struttura che coniuga design innovativo e funzionalità. La tenuta di circa 70 ettari si trova vicino Porto Pino, nel Sulcis Iglesiente, Sardegna occidentale. Nel 2017, Santa Margherita Gruppo Vinicolo ha acquisito la quota di maggioranza dell’azienda. In precedenza, la proprietà era interamente nelle mani del fondatore Gavino Sanna. L’edificio emerge dal verde della macchia mediterranea e dei vigneti. Il suo stile viene definito dai proprietari: “Candido, minimalista e inaspettato”. Il portale e la facciata ricordano le etichette dei vini Mesa. La struttura è composta da alte pareti esterne, che nascondono un immenso spazio su tre piani. All’interno sono ospitati i vinificatori che sono curati con particolare riguardo grazie alle luminose vetrate. Sotto il livello del terreno, sono custodite le botti in legno e di cemento per l’affinamento dei vini.

Cantina Mesa: quando la viticoltura incontra il design

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • La cantina più grande del mondo si trova in Moldavia. Si sviluppa per oltre 200 km di cunicoli, custodisce più di 2 milioni di bottiglie e ci sono strade sotterranee da percorrere in auto. Si chiama Mileştii Mici, nome preso dal villaggio in cui è costruita e dista 18 km dalla capitale Chișinău.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA