70ª Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola

Dal 30 agosto all’8 settembre 2019 a Carmagnola, in provincia di Torino, la più grande fiera in Italia dedicata a un prodotto agricolo.

Arriva al traguardo di  70 autunni la Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola. Si tratta del più importante e rinomato evento fieristico italiano dedicato a un prodotto agricolo e che si svolge in ben 10 giornate ricche di appuntamenti gastronomici, culturali, musicali, artistici, sportivi rivolto a tutte le età.

Ricordiamo che tutti gli eventi sono gratuiti ad eccezione dei concerti de Il Foro Festival.

Parliamo di una sagra che negli ultimi anni ha visto ben oltre 250.000 visitatori con importanti ricadute economiche su tutto il territorio.

Quattro varietà di peperone 

Il “Peperone di Carmagnola” è un prodotto apprezzatissimo in tutta Italia. Raccolto manualmente dalla fine del mese di luglio rispetta un severo disciplinare di produzione. Dovete sapere che esistono 4 diverse tipologie di peperoni di Carmagnola, che troverete in fiera: il “quadrato”, dalla forma cubica e tre o quattro punte, il “corno di bue” dalla forma allungata, il “trottola” a forma di cuore e il “tumaticot” tondeggiante e schiacciato ai poli.

I numeri della Fiera

Nell’area espositiva di circa 14.000 m2 troverete in ben 8 piazze dedicate di cui 6 enogastronomiche, 2500 posti a sedere e più di 200 espositori. E tanti talk food, i seminari d’assaggio ed appuntamenti e incontro moderati dal giornalista Paolo Massobrio e Renata Cantamessa, con sfide quest’anno tra decine di food-blogger italiani e stranieri. E poi cene e degustazioni a tema, iniziative solidali, area bimbi con attività e spettacoli, mostre, convegni, cabaret tutte le sere in collaborazione con il Cab41, un evento multimediale con il mapping 3D e tanta musica con grandi ospiti.

E per chi arriva con il proprio quattro-zampe ci saranno punti pet-service per il ristoro e le attività per cani e gatti.

Gli ospiti 

  1. Tra gli ospiti di quest’anno  il fondatore di Eataly Oscar Farinetti,  il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, Tinto, Arturo Brachetti, Roby Facchinetti (il suo concerto è previsto per il 2 settembre).

Una fiera ecosostenibile

Questa edizione sarà impegnata nell’anti- spreco alimentare  grazie alla partnership con l’azienda Cuki che fornirà migliaia di Cuki Save Bag, la doggy bag nata nel 2016 dal progetto Cuki Save the Food, e alla partecipazione del Banco Alimentare del Piemonte che sostiene ad aiuta 106.201 piemontesi e che sarà protagonista di due incontri.

I concerti 

Per il secondo anno ci sarà anche “Il Foro Festival” in una grande arena allestita per accogliere 5000 spettatori all’interno del Foro Boario di Piazza Italia. propone i concerti a pagamento dei Pinguini Tattici Nucleari sabato 31 agosto e del Karma Dance Party con gli Eiffel 65 + Marvin&Prezioso + Marco Marzi & Marco Skarica e domenica 1° settembre. I concerti inizieranno alle ore 21:30, i biglietti di ingresso sono di € 20,00 per il 31 agosto, di € 10,00 per il 1° settembre e sono acquistabili su Ticketone

Premio Giornalistico 

La Fiera quest’anno festeggia il traguardo dei 70 anni anche con un premio giornalistico e con una mostra dal titolo “Altro che Peperoni!!! Viaggio lungo i 70 anni della Fiera per scoprire che il Peperone di Carmagnola è...” che ne ripercorre la storia e che viene allestita nei locali del bellissimo castello che ospita il palazzo comunale.
Il premio giornalistico si intitola “Carmagnola, dove il peperone fa storia”.  Maggiori informazioni sono sul sito www.comune.carmagnola.to.it.

Qui il Programma dell’edizione 2019 [PDF]

Per maggiori informazioni sul programma date un’occhiata al nostro approfondimento: “Fiera del Peperone di Carmagnola 2019: le date e il programma“.

 

Foto di copertina: Peperoni di Carmagnola in una foto di Andrea Caliendo su Shutterstock

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • In uno degli ingressi alla Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola c’è una palazzina con il piccolo ma ricchissimo Museo Civico Navale tenuto da volontari. Consigliamo vivamente una visita (tempo circa 1 ora) per la particolarità dei pezzi conservati. Il Piemonte, infatti, pur non essendo bagnato dal mare, ha dato e continua a dare grandi contributi alla Marina italiana, per esempio nella produzione di materiale. A Carmagnola, in passato,  si coltivava la canapa, che lavorata nelle piccole aziende artigiane del luogo veniva trasformata in vele e cordame necessari ad allestire le manovre delle navi. Fu il periodo del consolidarsi nel tempo tra gli operai delle industrie specializzate nel settore nautico che prestarono servizio in Marina, rinsaldando uno stretto rapporto di affiatamento tra il Piemonte e il mare.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sulle Sagre di tutta Italia continuate a seguirci su www.habitante.it