Settembre è il mese dell’uva, frutto dolce e succoso, tipico della tavola mediterranea. Ecco 5 benefici dell’uva.

La vite: come coltivare un vigneto

1 – Mangiare uva aiuta a proteggere l’apparato cardiovascolare

L’uva contiene zuccheri, sali minerali, vitamine A, B e C. In particolare, gli zuccheri sono tutti facilmente assimilabili (glucosio, levulosio, mannosio). A questi vanno aggiunti poi gli acidi organici, i tannini e i polifenoli. Tra questi ultimi, il più importante è senza dubbio il resveratrolo, un fenolo che protegge la pianta da batteri e funghi, presente nei chicchi neri, in quelli bianchi e nella buccia. Sull’uomo, il resveratrolo ha una funzione antibatterica ed è in grado di proteggere l’apparato cardiovascolare rendendo il sangue più fluido.

2 – Il succo d’uva è un potente antiossidante

L’uva è particolarmente ricca di flavonoidi, dei componenti che hanno diverse proprietà sul sistema cardiovascolare. I flavonoidi, sono gli antiossidanti naturali per eccellenza, sono in grado quindi di inibire la formazione dei radicali liberi dell’ossigeno e dell’ossidazione del colesterolo cattivo, cause dell’arteriosclerosi. In particolare, nell’uva rossa è presente anche la quercetina, un flavonoide che rappresenta una straordinaria fonte di energia, capace di combattere la spossatezza e fornire energia all’organismo.

3 – L’uva fa bene alla pelle

Grazie al suo potere antiossidante, l’uva stimola l’elasticità della pelle, rendendola più bella, giovane. Tra i benefici dell’uva vi è anche il suo straordinario effetto antirughe.

4 – Gli acini migliorano la funzionalità intestinale

Gli acini dell’uva non sono solo preziosi per ringiovanire la pelle, ma aiutano a contrastare affaticamento e anemia nonché a migliorare la funzionalità dell’intestino.

5 – L’uva rinforza le ossa

L’uva è ricca di minerali, tra questi soprattutto è presente il boro. Il boro stimola l’assorbimento del calcio nelle ossa e aiuta a prevenire l’osteoporosi. Questo minerale è capace inoltre di sfruttare al meglio gli zuccheri, trasformandoli in energia per il corpo e le funzionalità cerebrale e mnemonica.

Produrre il vino a casa: i trucchi del mestiere

Benefici dell’uva: come e quando mangiarla?

Il momento migliore della giornata per mangiare l’uva è durante la colazione, mentre è bene evitare di consumarne molta durante la cena, trattandosi di un frutto abbastanza zuccherino. L’uva è perfetta da consumare anche come spuntino sano ed equilibrato al mattino o nel pomeriggio. Gli acini vanno ben masticati perché preziosi per l’organismo. I chicchi non vanno privati della loro buccia: essa contiene una concentrazione molto elevata di polifenoli in grado di svolgere un’azione protettiva sull’apparato cardiovascolare.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Dell’uva non si butta via niente, nemmeno i semi: essi, infatti, contengono diverse sostanze come la cellulosa, l’amido, i tannini e l’olio di vinacciolo che contiene per il 70% acido linoleico, un acido grasso polinsaturo essenziale che aiuta a ripulire il sangue dall’eccesso di colesterolo.
  • Accompagnare l’uva con dei semi di sesamo, farà in modo che il boro aiuti l’assorbimento del calcio contenuto nel sesamo.
  • L’uva è da sempre simbolo di vita, salute e abbondanza. L’uva fresca apporta una buona fonte di potassio, calcio ed acidi organici all’organismo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web