I piccoli di casa e la genitorialità: cellulari ai bambini. I pro e i contro dell’utilizzo di questi dispositivi

Lasciare i cellulari ai bambini porta con sé i suoi pro e i suoi contro. Scopriamo questo rapporto complesso nato nell’epoca della tecnologia.

Cellulari ai bambini

Oggi sono sempre di più i genitori che lasciano a disposizione gli smartphone ai piccoli di casa fin dai primi anni di vita. Gli utilizzi sono svariati: dalle fotografie, ai cartoni animati, alle ricerche online. Ma è corretto lasciare questi dispositivi a disposizione dei bambini?

La nuova generazione è sicuramente nata e cresciuta nell’epoca della tecnologia, ma è giusto imparare a valutare i pro e i contro che i cellulari portano con sé.

Inoltre, ai giorni nostri gli smartphone sono diventati strumenti di svago, gioco ed apprendimento, ma le opinioni di genitori e specialisti sono molto contrastanti. Per questo, osserviamo i vantaggi e gli svantaggi dei cellulari dati ai bambini.

I piccoli di casa e la genitorialità: compiti a casa. Come insegnare a svolgerli volentieri ed in autonomia

I vantaggi

Tra i vantaggi dell’utilizzo di smartphone da parte dei bambini troviamo:

  1. sono un mezzo per imparare: oggi sono molti gli insegnanti che richiedono di utilizzare i cellulari per ricercare informazioni. Questo può, dunque, essere uno strumento educativo.
  2. Mantenere il contatto: in caso di distanza, i genitori possono mantenersi in contatto. Oggi i cellulari sono dotati di GPS che consente di rintracciare il piccolo ovunque esso si trovi.
  3. Sono la realtà: permettere ai piccoli di imparare ad utilizzare responsabilmente lo strumento a disposizione può essere utile per le fasi future di crescita.
  4. Sviluppano il senso di responsabilità: uno smartphone permette al bambino di prendersi cura di qualcosa, ma soprattutto imparare ad utilizzarlo responsabilmente, dosando i tempi.
Cellulari ai bambini - pro e contro

cellulari ai bambini. I pro ed i contro dell’utilizzo di questi dispositivi
Immagine di Unsplash di gaelle marcel

Gli svantaggi

Come ogni cosa, anche i cellulari lasciati ai più piccoli hanno i loro svantaggi. Tra cui:

  1. giocano a sfavore delle attività fisiche e manuali: per i bambini è importante sviluppare abilità psicomotorie, utili per la crescita. Dunque, lasciare ai piccoli questi dispositivi tende ad allontanare da tutte quelle attività ed esperienze fondamentali.
  2. La scrittura ne risente: spesso un eccessivo utilizzo degli smartphone può condurre a difficoltà nel comunicare a livello scritto.
  3. Scarsa attività fisica: l’uso dei dispositivi mobili per svariato tempo porta una drastica diminuzione del movimento nei bambini. Questo può condurre ad obesità infantile ed alla mancanza di importanti attività ed esperienze fisiche.
  4. Mancanza di socialità: un bambino che utilizza costantemente il cellulare rischia di chiudersi in sé stesso, non giocando con gli altri, non ascoltando i genitori e non dialogando. Ciò può portare all’isolamento e alla mancanza di abilità sociali, fondamentali per lo sviluppo.

I piccoli di casa e la genitorialità. Educare alla parità di genere: insegnare ai più piccoli importanti valori

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Secondo una ricerca compiuta negli USA, oltre il 40% della popolazione ritiene che i bambini non dovrebbero possedere cellulari fino ad 11-13 anni. Ma la realtà è che nel Paese oltre il 25% dei bambini di età inferiore ai 6 anni ha accesso a questi dispositivi.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione