Sbrinare il freezer in modo veloce: alcuni consigli utili

Sbrinare il freezer senza stress e in modo veloce è possibile in poche e semplici mosse.

Questa attività risulta spesso noiosa e seccante da fare, ma è indispensabile per la sua pulizia e per il ciclo di vita del congelatore stesso. Vediamo insieme alcuni consigli utili.

Ogni quanto tempo bisogna sbrinare il freezer?

La pulizia del congelatore è doverosa, come per il frigorifero, almeno ogni 6 mesi. Spesso rinunciamo a questa attività poiché, oltre a essere seccante, dura un po’ di tempo e ci costringe a vivere senza surgelati. Allora come fare? Occorre una soluzione più comoda.

Un metodo veloce per sbrinare il freezer

Se non vogliamo vivere a lungo senza prodotti congelati, è possibile sbrinare il congelatore senza l’inutile impiego di tante ore. Esistono, infatti, alcuni accorgimenti fai-da-te che risultano d’aiuto anche alle persone meno pratiche. Vediamo l’occorrente.

Occorrente per conservare gli alimenti

sbrinare il freezer

Shutterstock – BravissimoS

Innanzitutto, occorre un contenitore per conservare gli alimenti durante questa operazione di pulizia. Serviranno anche delle borse termiche per contenere i cibi e trasportarli per brevi percorsi, massimo 2 ore con la stessa efficacia di conservazione.

Per chi non è in possesso di una borsa termica, non c’è da temere: basterà una bacinella piena di acqua fredda, ghiaccio e delle mattonelle di ghiaccio sintetico. Gli alimenti andranno inseriti in sacchetti di plastica ben sigillati e circondati dal ghiaccio per essere conservati al meglio.

Sbrinare il freezer: i prodotti per la pulizia

È ormai tutto pronto per pulire il nostro congelatore: vediamo quali sono i prodotti giusti per farlo. Si tratta di prodotti specifici utili anche per il frigorifero: essi possiedono proprietà sgrassanti e igienizzanti. Allo stesso tempo devono essere prodotti anti-odore per non disturbare la conservazione degli alimenti. Possiamo utilizzare questi prodotti con un panno morbido non abrasivo.

Per gli amanti delle soluzioni green ed eco-sostenibili possiamo scegliere dei rimedi naturali: basterà preparare una soluzione di aceto e acqua tiepida per poter pulire in modo esaustivo gli interni del congelatore. Questo metodo andrà a rilasciare un buon profumo di freschezza e pulizia all’interno del nostro elettrodomestico.

Rimuovere il ghiaccio per sbrinare il freezer

sbrinare il freezer

Shutterstock – mhp

Una fase importante di questa operazione di pulizia del congelatore è quella di rimuovere il ghiaccio in eccesso. Affinchè sia un’operazione veloce, come ci siamo prefissati, dovremo dotarci di strumenti che possano scalfire il ghiaccio presente, senza dover aspettare le ore necessarie per il suo scioglimento. A tal fine sarà comodo dotarsi di una spatola antighiaccio che si usa anche per sbrinare i parabrezza delle automobili nelle fredde mattine d’inverno. Queste spatole si trovano ovunque e a prezzi molto economici. L’importante è non utilizzare strumenti di metallo, poiché la durezza potrebbe scalfire le superfici del congelatore stesso.

Sbrinare il freezer in breve tempo: una fonte di calore

Sbrinare il freezer

Shutterstock – Shveyn Irina

La mossa segreta per sbrinare in fretta il congelatore è l’uso di una fonte di calore intenso. Possiamo optare per due tecniche facili ed economiche.

La prima soluzione è quella di scaldare qualche casseruola d’acqua portandola ad ebollizione. La seconda, invece, prevede l’uso di un asciugacapelli con un caldo getto d’aria.

È importante che tutto ciò avvenga sempre in sicurezza staccando la spina del congelatore. Per un miglior effetto in breve tempo si consiglia di portare la temperatura del congelatore al minimo, usando gli stessi comandi dell’elettrodomestico. Inoltre, tenendo la porta aperta del freezer, riusciremo a ottenere un maggior abbassamento della temperatura interna.

Se decidiamo invece di usare le pentole d’acqua calda, converrà tenere chiusa la porta, così da velocizzare il cambio di temperatura del congelatore.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Un accorgimento utile nella fase finale, in cui facciamo aumentare la temperatura interna, è quello di inserire degli stracci a terra per raccogliere tutta l’acqua che colerà via per lo sbrinamento.
  • Una tecnica utile è quella di eliminare prima il ghiaccio più grande e sedimentato e poi rimuovere ripiani e cassetti per la pulizia.
  • Un aspetto non secondario sono le guarnizioni: per il loro buon funzionamento, in questa fase di pulizia, è importante che vengano pulite dal ghiaccio in eccesso.
  • Se non siete particolarmente veloci anche con queste tecniche e notate che gli alimenti si sono un po’ ammorbiditi, è consigliabile riporli nel frigorifero e cucinarli nelle 24 ore successive.

 

Credits immagine in evidenza: Shutterstock – Arturs Budkevics

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione