Mamaclean, il nuovo servizio milanese a domicilio che rivoluziona il modo di lavare i panni

La digitalizzazione ha rivoluzionato anche il modo di lavare i panni sporchi. I numeri del mercato online di questo settore dicono che il giro d’affari globale raggiungerà i 73 miliardi di dollari nel 2023.

Anche in Italia il mercato funziona e i servizi di lavanderia on demand nel nostro Paese cresceranno in media del 34 % ogni anno, toccando i 155 milioni tra quattro anni.

In questo contesto ha trovato un terreno particolarmente favorevole Mamaclean, una società nata nel 2013 che ha sviluppato una piattaforma online per prenotare i servizi di lavanderia a domicilio.

Mamaclean, un servizio di lavanderia a domicilio

Il servizio è semplice, basta qualche click sull’app dedicata o una rapida chiamata per indicare quali capi lavare e/o stirare, la fascia oraria e il luogo per il ritiro e la consegna del bucato. Nello specifico si tratta di una boutique online specializzata nella cura dei capi aperta tutti i giorni.

Il mercato è in continua espansione infatti è stata lanciata una campagna di crowdfunding per poter finanziare l’espansione in altre regioni della Penisola. L’dea è stata quella di trasformare la vecchia boutique in un servizio per persone che hanno sempre meno tempo da passare in lavanderia. I servizi disponibili sono due: il flexi, che prevede la consegna il giorno dopo del ritiro e il rush, che è il servizio urgente per i capi pronti in giornata.

Nato come servizio per i professionisti della finanza, consulenti, manager e avvocati, ha ampliato il suo bacino d’utenza anche alle famiglie. In Lombardia è attivo in trenta comuni e registra nel 2018 un fatturato di 800 mila euro (+60% rispetto al 2017). L’obiettivo della società è raggiungere 8 milioni di ricavi entro il 2023, espandendosi in altre città italiane.

lavanderia a domicilio

Foto di Pixel-Shot su Shutterstock

Mamaclean e l’importanza del lavoro artigianale

Secondo il fondatore della società Francesco Malmusi, gli italiani sono i secondi utilizzatori al mondo di servizi di lavanderia dopo i giapponesi e ci sono quasi il doppio delle lavanderie per 1.000 abitanti rispetto a Francia e Germania. Con la crisi della lavanderia tradizionale però, la qualità del servizio è venuta progressivamente meno. I proprietari dei negozi hanno sacrificato la cura del cliente così come il rinnovo delle macchine.

Il laboratorio di Milano si avvale di dipendenti preparati, rispettando tutti gli standard legali e di qualità con l’obiettivo di creare, in futuro, un’accademia per insegnare alle persone che intendono fare questo mestiere tutti gli aspetti tecnici e le operazioni manuali che caratterizzano questo lavoro artigiano che richiede molte ore di apprendimento teorico e pratico.

GreenItaly: un’azienda italiana su quattro investe nella sostenibilità e crea posti di lavoro

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Bucato è un termine che deriva dal germanico bukon, che significa lavare con il ranno.
  • Ai tempi in cui ci si recava al lavatoio, il lavaggio si articolava in quattro fasi principali: l’ammollo, il lavaggio con il ranno, il risciacquo e l’asciugatura. Nei casi più delicati si macerava per 24 ore la biancheria con un mix di escrementi di vacca e di bue e l’aggiunta di liscivia, a base di cenere di legna e acqua bollente.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA