La personalizzazione dell’ambiente di casa inizia dalla soglia di ingresso

Quando prendiamo la decisione di abitare in una nuova casa, puntiamo sempre all’inserimento di elementi o complementi di arredo che consentano di dire qualcosa su noi stessi a chi viene a farci visita.

Ecco perché non è assolutamente da trascurare una zona spesso poco considerata come l’ingresso principale; questo è il punto che chiunque entri in casa nostra noterà come prima cosa, che si tratti di un amico, un parente stretto o un semplice ospite. Di conseguenza fare una buona prima impressione e rendere interessante quest’area esterna della casa, aiuterà a dire qualcosa di noi e ad “accogliere” in un certo senso l’ospite che viene a suonarci alla porta.

L’abbellimento dell’ingresso è possibile in vari modi, è sufficiente possedere un poco di fantasia ed originalità; un articolo spesso poco considerato, ma molto utile se si vuole davvero dire qualcosa di noi stessi sin dalla soglia di ingresso, è senza dubbio lo zerbino personalizzato, un articolo a cui dovremmo dare il ruolo che merita

Chi non possiede uno zerbino o un asciugapasso all’interno di casa propria? Si tratta di un articolo semplice ma molto utile, in quanto consente di pulire le scarpe dopo una giornata di pioggia o magari per evitare l’ingresso di residui di sporco e fogliame dentro l’appartamento.

 

Uno zerbino in realtà può fare anche molto di più e rappresentare un modo con il quale comunichiamo verso il prossimo, magari attraverso una scritta o un disegno.

Ecco perché la personalizzazione dello zerbino è un qualcosa di cui dobbiamo tenere conto, innanzitutto perché è possibile effettuarla nel modo che si ritiene più opportuno, optando per modelli già pronti e scegliendo all’interno di un negozio o di uno store online quello che più ci convince.

In alternativa ci si può affidare a chi della personalizzazione dello zerbino ne ha fatto un vero e proprio mestiere, ricevendo qualche consiglio su come realizzare il “nostro” zerbino di casa.

Riguardo l’attuale offerta di mercato degli zerbini personalizzati, abbiamo sentito il parere di Riccardo Celli, titolare della ditta Zerbini Personalizzati Celli, che della lavorazione dello zerbino per la casa, ma anche per ambienti lavorativi come gli uffici, ha fatto un mestiere per il quale è oggi riconosciuto a livello nazionale.

Celli afferma che, per quanto riguarda la personalizzazione dello zerbino da esterni, non ci si deve soffermare solo alla forma e al disegno, che su richiesta può essere differenziato a nostro piacimento (una frase, un motto di famiglia, un’immagine che ci è piaciuta e vorremmo riprodurre per conservarla in questo modo… non sono pochi nemmeno i pub, i ristoranti, o altre attività commerciali, che sfruttano la personalizzazione con il proprio logo per rendersi subito riconoscibili), ma anche al tipo di materiale che viene utilizzato, e alla posizione dello zerbino stesso.

Tipologie e materiali per la personalizzazione di uno zerbino

Lo zerbino inserito all’esterno della casa viene chiamato anche a pioggia diretta, con riferimento a tutti quei modelli che a volte sono esposti in maniera diretta agli agenti atmosferici come la pioggia, il vento, ma anche le forti escursioni termiche, e necessitano di essere realizzati con materiali di ottima fattura e particolarmente resistenti, se vogliamo garantirne una loro durata nel corso degli anni (non c’è cosa peggiore di possedere uno zerbino esteticamente accattivante, ma realizzato con materiale scadente e che dopo pochi usi perde letteralmente i pezzi generando ulteriore sporco).

Lo zerbino interno può essere utile invece per ambienti lavorativi; in questo caso esistono gli asciugapassi che si possono installare all’interno di un qualunque ufficio, di un locale serale, di un pub/pizzeria/ristorante. In questo caso la personalizzazione dello zerbino può essere fatta soprattutto con l’inserimento del logo aziendale, che consente di dare riconoscibilità immediata e aumento della brand awareness.

Per quanto riguarda il materiale con il quale realizzare uno zerbino personalizzabile, si può puntare sull’alluminio se si desidera possedere uno zerbino che sia il più possibile drenante; i migliori sono quelli con inserti in agugliato per poter asciugare bene la scarpa, in gomma se si desidera una buona tenuta del piede con funzione antiscivolo, o in spazzola se si vuole garantire una pulizia ottimale prima di entrare in casa.

Altri materiali particolarmente consigliati sono il pvc a filo intrecciato; se realizziamo zerbini con questo materiale si può possedere un articolo che garantisca un elevato drenaggio di acqua piovana, ma soprattutto resistenza ai raggi solari e alle alte temperature.

Molto interessanti, infine, sono gli zerbini che vengono realizzati in pvc ma con un intreccio alveolare; si tratta dei cosiddetti zerbini a zig zag, modelli che vengono utilizzati non solo per gli appartamenti, ma anche per luoghi in cui è molto importante l’aspetto drenante, come ad esempio le piscine.

Vi consigliamo di utilizzare questi tipi di zerbini se avete la porta con uno spessore non molto elevato; nel caso contrario l’apertura dell’ingresso potrebbe andare a scontrarsi con lo zerbino stesso, a causa del suo eccessivo spessore.

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.