Incidenti domestici: secondo l’Istat un fenomeno in continuo aumento

Sarebbero le donne a subire il maggior numero di incidenti domestici, seguite da anziani e bambini. Complice il maggior tempo speso nelle faccende domestiche le donne costituiscono la categoria più a rischio per quanto riguarda gli infortuni casalinghi. Lo confermano anche i dati Istat.

Incidenti domestici: secondo l’Istat un fenomeno in continuo aumento

Gli ultimi dati in merito agli incidenti domestici confermano numeri in crescita. In Italia l’Istat (Istituto nazionale di statistica) rileva che ogni anno si verificano più di 3 milioni di incidenti in casa. La categoria più a rischio risulta essere quella delle donne (sono 7 milioni e 338 mila coloro che si dichiarano casalinghe), seguite da anziani e bambini al di sotto di 5 anni.

La corrente elettrica nelle abitazioni: come evitare gli incidenti domestici

Quali sono i luoghi più a rischio?

Al primo posto, tra i luoghi più a rischio della casa, vi è la cucina, dove avviene il 63% degli incidenti. Seguono poi la camera da letto (10% di incidenti), il soggiorno (9%) e le scale (8%). A pari merito con queste ultime abbiamo il bagno, pericoloso per le possibili cadute sulle superfici scivolose dei sanitari, quindi vasca e doccia, e sul pavimento.

Incidenti domestici, cadute, infortuni

Incidenti domestici: secondo l’Istat un fenomeno in continuo aumento – SHUTTERSTOCK

Quali sono le lesioni più frequenti?

I dati sugli incidenti domestici affermano che la lesione più riscontrata è la frattura, che coinvolge il 36% delle persone infortunate. Al secondo posto abbiamo le ustioni, che sono la conseguenza di un uso un po’ maldestro di pentole, ferro da stiro, fornelli e acqua o olio bollente. Queste costituiscono il 18,5% dei traumi. Ci sono poi per un 15% le ferite da taglio, artefici di circa 90mila incidenti l’anno, dovute a coltelli o altri oggetti taglienti di uso comune in casa. E infine ci sono le lesioni per urti o schiacchiamenti, circa il 13%.

Per quanto riguarda, invece, le maggior parti del corpo interessate dalle lesioni abbiamo che gli arti sono quelli più colpiti (81,2% delle lesioni) e poi, di minore entità, ci sono i danni che colpiscono la testa (11,8%). 

Cucina a norma: la sicurezza prima di tutto

Stipulare una polizza assicurativa

Risulta difficile arginare il problema degli incidenti domestici se non in maniera non proprio determinante come l’impiego di buon senso e maggiore attenzione. Una possibile “soluzione” è quella di sottoscrivere una polizza a tutela di un evento traumatico. Stipulare un’assicurazione infortuni può rivelarsi uno strumento utile per affrontare i momenti successivi all’incidente con più tranquillità. Oggi il mercato delle polizze in questo settore è ricco di proposte tra cui scegliere quella più consona alle proprie esigenze.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?
  • Le cadute sono considerate la causa dei due terzi di tutte le morti degli ultrasessantacinquenni. Negli anziani l’incidenza delle cadute tocca quota 76,9%, ma sale all’81% nelle donne che hanno già compiuto il 75esimo anno di vita.
  • Altre interessanti statistiche sono disponibili sul sito dell’istituto Istat.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sull’alimentazione biologica e sostenibile continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa