Glass to Power: la start up che lancia finestre fotovoltaiche

Il futuro imprenditoriale italiano è indiscutibilmente nelle mani delle start up che stanno nascendo. Non sarà sufficiente l’apporto economico delle imprese storiche e affermate che abbiamo. Nuove scoperte, tecnologie innovative e idee brillanti; queste le linee guida per un futuro radioso.

Start up, Glass to Power: è possibile creare un’azienda partendo da zero, trasformare idee di business in opportunità, mettersi in proprio e diventare un’impresa importante? Certamente. La strada da percorrere è molto ardua, ma con le giuste idee, una buona organizzazione e strategia, sicuramente non è un’avventura impossibile. Una delle start up che è decollata in questi anni è Glass to Power, spin-off dell’Università Bicocca di Milano. È stata fondata nel 2016 da due docenti, Sergio Brovelli e Francesco Mainardi, che hanno ideato un vetro capace di trasformare l’energia solare in elettrica. Si tratta di nanopoarticelle racchiuse in uno strato di plexiglass, a sua volta inserito tra due solidi vetri. Il tutto, con l’obiettivo di formare delle finestre fotovoltaiche, da installare nei futuri edifici.

finestre

shutterstock Di Salarew Rutso

Glass to Power: la start up che lancia le finestre fotovoltaiche

Questa tecnologia, chiamata LSC (Luminescent Solar Concentrator), consiste in uno strato di plexiglass imbevuto di nanocristalli che convertono la luce solare in raggi infrarossi. Questi vengono riflessi all’interno del pannello fino ad arrivare al bordo. Qui, una sottile striscia di celle fotovoltaiche a base di silicio, converte i fotoni infrarossi in corrente elettrica. Vista la doppia funzione che svolgono, la conversione di energia solare in elettrica è minore rispetto ai classici pannelli fotovoltaici. Si Tratta di un 5% di capacità rispetto al consueto 20%. Il possibile impiego nel campo dell’edilizia potrebbe determinare una svolta importante nella realizzazione di grandi opere come i grattacieli. Infatti, la superficie a disposizione sarebbe talmente ampia da rispettare la nuova direttiva europea, che prevede l’obbligo di costruzioni auto-alimentanti a partire dal 2020.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Per start up si intende un’organizzazione temporanea in cerca di un modello di business scalabile, ripetibile, e che generi un profitto.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA