Cosa regalare a San Valentino: un albero per il Pianeta

Tu sei una persona di quelle che si incontrano quando la vita decide di farti un regalo.
Charles Dickens

San Valentino: un giorno da dedicare al proprio partner, ma anche al Pianeta. Ecco l’idea per un regalo originale e attento all’ambiente.

Cosa regalare a San Valentino: un albero per il Pianeta. Scegliere un regalo per il proprio partner a San Valentino non è semplice, bisogna ammetterlo. Si rischia di cadere nella banalità o di esagerare, per una festa ormai entrata nella nostra tradizione. Sarebbe importante imparare ad apprezzare questa ricorrenza in modo diverso: non è quindi la scusa per ingrassare gli incassi dei negozi, soprattutto dopo Natale e i saldi, ma un modo per ricordarsi di quanto sia importante dire al proprio partner che lo si ama.

Alberi

shutterstock Di potowizard

Cosa regalare a San Valentino: un albero per il Pianeta

Grazie a Treedom è possibile contribuire al benessere del Pianeta. Per la festa degli innamorati, la società ha pensato di proporre quattro coppie di alberi, ognuna riflesso di una forma di sentimento diversa in cui riconoscersi da regalare alla propria dolce metà. L’idea di un albero in regalo, nasce proprio da questa start up fiorentina, nata nel 2010 dalla mente di alcuni giovani con la voglia di migliorare il mondo. Un albero alla volta. Da allora sono stati piantati oltre 250mila alberi tra Senegal, Camerun, Malawi, Argentina, Haiti, Italia, Kenya, Burkina Faso. Ognuno può regalare o acquistare un albero. Un mandarino per il Senegal. Un mango per Haiti. Un avocado per il Kenia. Perfino un arancio in Italia.

Cosa regalare a San Valentino: un albero per il Pianeta

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • A maturità, un albero, cresciuto in un clima temperato e in un contesto cittadino, assorbe in media tra i 10 e i 20 kg CO2 all’anno. Se collocato invece in un bosco o comunque in un contesto più naturale e idoneo alla propria specie, assorbirà tra i 20 e i 50 kg CO2 all’anno.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA