Connected City: il 5 dicembre si premia l’innovazione per la mobilità degli abitanti

La prima edizione del programma promosso da Talent Garden entra nella fase finale e dalle Officine Grandi Riparazioni di Torino annuncia i migliori progetti che avranno accesso al percorso di sperimentazione con finanziamenti fino a 150 mila euro

Saranno annunciati mercoledì 5 dicembre presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino, i vincitori della prima edizione di Connected City, il programma nazionale di open innovation che ha lo scopo di identificare e sperimentare nuovi progetti d’impatto per lo sviluppo di servizi per i cittadini basati su dati e tecnologie, promosso da Talent Garden, la più grande piattaforma in Europa di networking e formazione per l’innovazione digitale. Tema dell’edizione 2018: la Mobilità.

Oggi più che mai è necessario riconoscere a mettere a fattor comune progetti in grado di migliorare e semplificare la vita del cittadino mettendo allo stesso tavolo aziende, istituzioni e innovatori. Talent Garden, come promotore di Connected City, coinvolge grandi aziende come Iren, Links Foundation, Mini, Reale Mutua, Intesa Sanpaolo, Siemens, Ferrovie dello Stato Italiane e Digital Magics, che contribuiscono allo sviluppo dei progetti mettendo a disposizione fino a 150mila euro di investimenti ma soprattutto dataset, API e un processo di mentorship per i migliori progetti.

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio della Commissione Europea e delle istituzioni del territorio, Camera di Commercio di Torino, Agenzia della Mobilità Piemontese, Università di Torino, Città di Torino e Regione Piemonte, quest’ultimi due tra i primi in Italia a rendere accessibili i dati a loro disposizione.

SELECTION DAY – 5 DICEMBRE

La giornata di lancio del programma, svolta lo scorso 6 giugno, ha visto la partecipazione di oltre 400 protagonisti della città tra istituzioni, aziende e innovatori, che hanno contribuito alla definizione del nuovo “Manifesto” condiviso delle città connesse, le cui parole chiave sono legate alla cultura digitale e alle tecnologie emergenti: maggiore accesso ai dati, Intelligenza Artificiale, IoT, sostenibilità, connettività real-time e coesistenza uomo-macchina.

L’evento del 5 dicembre, che avrà inizio alle ore 18.00, sarà un’ulteriore occasione di condivisione e di approfondimento sul ruolo che la tecnologia avrà in futuro nello sviluppo competitivo e sostenibile delle smart cities. Sul palco di Connected City saliranno innovatori, ma anche aziende e istituzioni, tra cui l’Assessore all’Innovazione della Città Torino, Paola Pisano e l’Assessore alle Attività produttive e Innovazione della Regione Piemonte, Giuseppina De Santis.

Ospiti della serata, Dominic Campbell, founder di FutureGov, organizzazione che ha l’obiettivo di portare il digitale e il design nel cuore della trasformazione del governo, eLuca Ballarini, Designer con una forte vocazione per l’urbanistica, fondatore e direttore creativo di Bellissimo, promotore di “Torino Stratosferica”.

I FINALISTI DI CONNECTED CITY 2018

Cinque i progetti, ritenuti con il maggior potenziale di crescita, fattibilità e impatto sulla città, che saranno nominati vincitori della prima edizione di Connected City, e che avranno quindi accesso alla fase di sperimentazione della durata di 6 mesi. In fase di selezione il main partner Digital Magics sceglierà un progetto che avrà accesso a un percorso di incubazione con un investimento del valore di 100mila euro, in aggiunta ai 50 mila euro erogati dagli altri partner per la sperimentazione dei progetti.

I vincitori saranno selezionati tra i 15 migliori arrivati alla fase finale, che hanno superato il processo di valutazione svolto da una giuria di 40 professionisti sulla piattaforma web Call4Projects, dedicata alla raccolta e gestione dei progetti.

 

Questi i finalisti di Connected City 2018:

  • PickMeApp Mobility – soluzione di mobilità urbana intelligente, collettiva e door to door per bambini, anziani e disabili abitanti di città medio-piccole.
  • TR2 Talking Roads To – piattaforma che riconosce gli asset stradali dai video generati dai mezzi circolanti applicando l’Intelligenza Artificiale per generare dati e mappe di precisione.
  • WiseTown – ecosistema di applicazioni e strumenti per migliorare la qualità della vita dei cittadini in un ambiente collaborativo.
  • Kimap-Data – applicazione che permette all’utente disabile motorio di raggiungere un punto qualsiasi all’interno di una città, percorrendo il tragitto più “accessibile”.
  • CiaoAldo – piattaforma che connette chi ha bisogno di un autista personale di fargli guidare la propria auto.
  • AnvPark – app che consente di trovare facilmente un parcheggio e pagare i biglietti senza commissioni scoprendo offerte esclusive in luoghi vicini.
  • MUV – una soluzione innovativa per migliorare la mobilità urbana sostenibile e attiva a livello di quartiere.
  • ForTune Podcast – piattaforma di podcast in pillole da tre minuti, di alta qualità, senza interruzioni.
  • Trackingram – software di localizzazione satellitare per aziende.
  • LiquiqPrice – soluzione di tariffazione adattiva che permette di Sfruttare i dati di mercato, comprendere la domanda, progettare prezzi su misura per migliore le opportunità di business.
  • Goover – app che trova i percorsi senza barriere architettoniche, dà voce alle segnalazioni e che aggrega i luoghi accessibili per renderli disponibili
  • SMASH – soluzione che consente una facile gestione e l’accesso di Electric-Car Sharing, Bike Sharing e in generale servizi di condivisione di veicoli.
  • Tobility – applicazione di smart sharing.
  • Wego Europe – applicazione basata sulla tecnologia blockchain che consente una mobilità sostenibile.
  • Smart Spot – servizio innovativo che permette alle persone non vedenti e ipovedenti, di potersi orientare e muovere in città con i mezzi pubblici in autonomia.

 

 

Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.