5 cose a cui pensare prima di iniziare una ristrutturazione

Gestire le tappe di una ristrutturazione edilizia può risultare complicato sia per ragioni di tempo che di incompetenza. L’incapacità nella scelta di arredi, piastrelle, pavimenti, tipo di impiantistica, ridistribuzione degli ambienti e tutto quel che concerne una ristrutturazione, porta ad un risultato finale reale spesso ben diverso da quello che ci si era immaginati.

Prima di affrontare una ristrutturazione occorre

  • considerare una serie di informazioni fondamentali sulla struttura;
  • produrre un progetto dettagliato;
  • confrontarsi con i vari tecnici e professionisti del settore;
  • avere un’idea precisa di ogni dettaglio (dall’impianto elettrico agli arredi da acquistare).

Questi passaggi differenziano un lavoro di ristrutturazione di qualità da uno mediocre, evitando inutile spreco di tempo e denaro.

5 cose a cui pensare prima di iniziare una ristrutturazione

Studiare la casa

Prima di avviare una ristrutturazione è fondamentale conoscere gli ambienti. È essenziale studiare bene ogni locale escludendo, per esempio, la presenza di umidità, eventuali problematiche relative ad uno scadente isolamento acustico, presenza di controsoffitti che sottraggono spazio o di strati d’intonaco che nascondono pareti in pietra. Indispensabile anche conoscere le dimensioni esatte dei locali poiché spesso si ha un’impressione falsata della metratura reale.

Affidarsi a dei professionisti

Avere buon gusto o essere bravi nei lavori manuali non è sufficiente per riuscire a far tutto da soli. I lavori di ristrutturazione coinvolgono tante figure professionali specializzate. È bene affidarsi a dei professionisti del settore per evitare errori dovuti ad incompetenza ed inesperienza. Lo spreco di denaro è da ricercarsi nelle spese aggiuntive che bisognerà sostenere laddove occorrerà porre rimedio a tentativi mal riusciti e non nella scelta di farsi aiutare da un professionista.

5 cose a cui pensare prima di iniziare una ristrutturazione

Shutterstock – Naphat_Jorjee

 

Pratiche burocratiche

Prima di iniziare la ristrutturazione di una casa è necessario attenzionare la parte burocratica in modo da agire secondo legge, evitando salate sanzioni. Gli obblighi da rispettare variano a seconda della tipologia di intervento (manutenzione ordinaria o straordinaria). Il primo passo, dunque, è quello di rivolgersi ai tecnici presso gli uffici comunali per avere indicazioni precise e dettagliate.

Progettazione degli spazi

Open space o divisione tradizionale degli ambienti? Bagno in camera? Cabina armadio? Dispensa? La progettazione di ogni singolo ambiente deve essere precisa e ponderata prima di iniziare una ristrutturazione. Uno stravolgimento nell’idea iniziale, a lavori avviati, è sconsigliato: porterebbe ad uno spreco di tempo nonché ad un incremento dei costi. Perciò è bene prendersi del tempo per studiare a fondo ogni esigenza, ottimizzare gli spazi pensando alle abitudini di chi vivrà quell’abitazione nonché ai desideri dei fruitori.

Agevolazioni fiscali

Prima di avviare una ristrutturazione è importante documentarsi sulla possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali – Agevolazioni fiscali casa: guida ai bonus del 2019.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

Antonella Mangiaracina

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web