Computer e costi in bolletta: come risparmiare energia per ridurre i costi

Impostare il risparmio energetico per diminuire la luminosità dello schermo, inserire lo standby, disattivare le periferiche inutilizzate: sono questi alcuni tra i gesti più semplici che limitano lo spreco di energia durante l’utilizzo del computer e di conseguenza permettono di risparmiare sui costi in bolletta.

Computer e costi in bolletta: come risparmiare energia per ridurre i costi. Un computer dalle normali prestazioni, in funzione per circa otto ore al giorno, può consumare parecchio nell’arco di un anno. Attraverso dei piccoli semplici accorgimenti è possibile risparmiare sui costi in bolletta, non sprecare energia elettrica e di conseguenza limitare l’impatto ambientale.

Computer e costi in bolletta: come risparmiare energia per ridurre i costi

shutterstock_1140001772Di RAY-BON

Computer e costi in bolletta: come risparmiare energia per ridurre i costi

Cinque consigli per non sprecare energia con il computer.

1. Innanzitutto è fondamentale impostare sul PC l’opzione risparmio energetico o meglio impostare più profili energetici così da poter trarre il massimo del risparmio in base ai diversi modi di utilizzo.

2. Un altro accorgimento per ridurre i costi in bolletta consiste nel disattivare lo screensaver: esso richiede un consumo maggiore di energia, meglio invece, l’oscuramento dello schermo.

3. Per non sprecare energia elettrica è utile anche attivare le funzioni di spin down del disco rigido: si tratta di una sorta di rallentamento quando il PC non viene usato per un certo lasso di tempo. Questo consente di risparmiare fino al 90% di energia consumata dall’hard disk. Alcuni computer godono della capacità di monitorare e regolare l’alimentazione della CPU in base al carico del processore, consentendo un risparmio energetico.

4. Sembrerebbe banale ma la connessione a Internet incrementa il consumo di elettricità quindi, quando non serve, meglio spegnerla.

5. Per risparmiare energia elettrica e ridurre i costi in bolletta, è fondamentale ricordare di spegnere il computer se non lo si utilizza. Lo standby incide per quasi il 30% nella bolletta (circa 250 euro annui). Non solo arrestare il PC, ma anche staccare la presa di corrente di un computer fisso permette di ridurre lo spreco di energia elettrica: un computer infatti è capace di assorbire potenza elettrica anche da spento. Meglio sempre utilizzare una multi presa con interruttore in modo da disattivare contemporaneamente stampante, casse acustiche, scanner, modem e periferiche.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • I computer fissi consumano più energia rispetto ai portatili. Considerando un computer di fascia media è possibile ipotizzare un consumo orario che va dai 65-70 Watt a riposo fino a 200-250 Watt quando funziona a pieno regime.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web