Come fare un planning mensile efficace?

Come mai, se il tempo non esiste, noi siamo fatti su schema temporale?
Cesare Pavese

Come fare un planning mensile efficace? Organizzare le attività quotidiane sembra un’impresa quasi impossibile. Districarsi con successo tra lavoro, famiglia, casa, imprevisti, hobby e richieste di vario genere non è una cosa facile e porta spesso a insuccessi e fallimenti. Di conseguenza, redigere un planning mensile accurato vuol dire mettere nero su bianco i traguardi da raggiungere per arrivare passo a obiettivi via via più grandi.

Come fare un planning mensile efficace?

Ognuno deve trovare il modo migliore per strutturare e gestire il proprio planning mensile. È necessario però scrivere, e non tenere tutto a mente. Inoltre, non bisogna sovraccaricare l’agenda quotidiana, poiché la tendenza a voler arrivare ovunque, porta spesso a perdere il controllo e a non portare a termine gli impegni. Il primo passo per gestire bene il tempo è imparare a  rinunciare ad un’attività se non strettamente necessaria per il proprio lavoro e benessere fisico o mentale. Insomma gli impegni presi devono essere adeguati al tempo a disposizione, bisogna avere obiettivi raggiungibili nel proprio planning.

Come fare un planning mensile efficace?

Se oltre ad essere efficienti lavoratori si è anche coniugi e ancor più genitori le cose si complicano. Organizzare gli impegni di tutta la famiglia è fondamentale per migliorare la qualità della vita di tutti. Per prima cosa scrivere una lista delle attività che ogni membro della famiglia svolge durante la settimana, di quelle che si svolgono insieme e quelle tipiche nella conduzione di una casa (spesa, pulizie…). Successivamente inserirle in un planning indicando anche chi fa cosa e definire i diversi ruoli.

calendario

shutterstock Di Andrey_Popov

Ultime, ma non per importanza, sono le proprie passioni. Deve esserci nel proprio planning un tempo dedicato ad esse, anche se ridotto. Trovare dello spazio e riportarlo nella propria agenda riduce il rischio di accantonare ciò che è fondamentale per il proprio benessere. Dedicarsi alla pratica sportiva, agli hobby o ad una chiacchierata con amici permette di abbassare i livelli di stress e frustrazione, trovare serenità, energia e motivazione a fare tutto il resto.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • La Treccani definisce la parola planning come: planning ‹pläniṅ› s. ingl. [der. di (toplan «progettare, programmare, pianificare»], usato in ital. al masch. – Nel linguaggio aziendale, il processo di previsione, attuato con procedure varie e spesso sviluppato in un piano scritto, attraverso cui vengono stabiliti gli obiettivi a medio o a lungo termine dell’impresa (relativamente a costi, ricavi, profitti, strategie di mercato, ecc.), e vengono inoltre individuate sia le risorse necessarie sia i tempi e i modi per reperirle e ripartirle in vista degli obiettivi prefissi. Per estens., con senso generico, programmazione, pianificazione, e anche, per metonimia, il documento o fascicolo in cui tale programmazione è contenuta.”

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA