Vai al contenuto
coltivare frutti di bosco giardino

Come coltivare frutti di bosco e frutta a bacca nel tuo giardino

Condividi L'articolo su

Con l’arrivo dell’estate e delle alte temperature, i frutti di bosco si distinguono come alimenti sempre più apprezzati. Oltre ad essere gustosi e rinfrescanti, i frutti di bosco sono ottimi per la salute e per l’organismo della persona. A basso contenuto di zuccheri, i frutti di bosco sono ottimi per rafforzare il cuore e per combattere il diabete.

Per chiunque desidera impreziosire il proprio giardino con i frutti di bosco, è bene sapere che questi possono essere facilmente coltivati in casa. I frutti rossi, infatti, richiedono pochissime cure e attenzioni e, inoltre, possono essere coltivati anche con veri e propri metodi e tecniche fai da te.

In genere, è bene evidenziare che esistono diverse tipologie di frutti di bosco, per cui ognuno presenta determinate caratteristiche ed esigenze. Eppure, d’altro canto, queste piante presentano caratteristiche simili e comuni. Ad esempio, queste piante crescono bene nelle zone in semi ombra e più isolate. Da evitare, invece, sono le zone troppo esposte al vento e agli agenti atmosferici, in quanto soprattutto nel periodo invernale le piante necessitano una grande protezione.

Di seguito scopri alcuni consigli e suggerimenti per coltivare frutti di bosco giardino di casa.

Coltivare frutti di bosco nel giardino di casa: consigli e suggerimenti

I frutti di bosco si distinguono come alimenti particolarmente gustosi e apprezzati, anche grazie alle diverse proprietà benefiche che garantiscono all’organismo e, in particolare, al sistema circolatorio.

Le piante di frutti di bosco si distinguono per la loro longevità. Queste, infatti, sono in grado di vivere per molti anni e non necessitano particolari cure e accortezze. Si tratta, inoltre, di piante autonome che, tra i tanti vantaggi, sono in grado di adattarsi bene alla terra, anche nei casi in cui quest’ultima non sia molto fertile.

Per quanto riguarda l’irrigazione, invece, è bene che questa avvenga con cadenza regolare senza annaffiature esageratamente ravvicinate.

In genere, se si decide di piantare frutti di bosco nel giardino, una buona idea è quella di trapiantare le piante nei mesi di novembre o marzo/aprile. Nel caso in cui, invece, si decide di trapiantarle all’interno di un vaso, il periodo ideale va dall’inizio della primavera alla fine dell’estate.

coltivare frutti di bosco giardino
Pixabay

Quali frutti di bosco piantare nell’orto di casa?

I frutti di bosco, come già evidenziato, oltre ad essere particolarmente gustosi e apprezzati, sono ottimi in quanto contengono un alto tasso di vitamina C. Inoltre, questi sono ricchi anche di altri alimenti benefici quali sali minerali, fruttosio, fibre, acqua e molto altro ancora.

Eppure, è bene evidenziare che i frutti di bosco si distinguono in diverse categorie e sottocategorie, per cui cambiano a loro volta caratteristiche ed esigenze. In genere, tra le categorie principali è possibile distinguere: lamponi, more, mirtilli, uva spina e ribes.

Per la coltivazione dei lamponi e delle more, ad esempio, è bene sapere che questi necessitano un terreno sufficientemente acido e un supporto strutturale che li aiuti in fase di crescita.

I mirtilli, invece, necessitano un terreno molto acido, con un livello di PH che sia compreso tra 4 e 4,5.

Per quanto riguarda l’uva spina, è bene evidenziare che questa è tipica del periodo estivo e, in genere, ne esistono due varianti: uva spina bianca ed uva spina rossa. In entrambi i casi, si tratta di frutti rossi molto buoni per la salute e per l’organismo della persona, in quanto contengono moltissime vitamine.

Il ribes, infine, si differenzia in bianco, nero e rosso. La pianta, a differenza di altre varianti di frutti rossi, necessita un terreno argilloso e ben idratato.

coltivare frutti di bosco giardino
Pixabay

Frutti di bosco e bacche per l’orto o il giardino di casa: ecco alcuni consigli

Colorati e particolarmente gustosi, i frutti di bosco sono delle piante ideale da coltivare nel proprio giardino per impreziosirlo. Si tratta, infatti, di piante che non necessitano particolari esigenze di coltivazione, ma soltanto alcune piccole accortezze.

In genere, una buona idea è quella di evitare aree troppo aride e calde, in quanto questa tipologia di piante necessita terreni fresche e facilmente irrigati. Meglio optare per aree in semi-ombra del giardino o, magari per un terrazzo o un cortile non troppo esposto alla luce del sole.

Nel momento in cui le piante vengono trapiantate nel terreno, inoltre, è bene aggiungere della torba nel caso in cui il terreno risulta essere troppo pesante o del letame nel caso contrario in cui è troppo leggero.

Infine, un ultimo consiglio generale è quello di garantire alle piantine un supporto nella struttura del terreno. Quest’ultima, infatti, consentirà di creare una copertura ideale per proteggere le piante di frutti di bosco dagli agenti atmosferici e durante i periodi più freddi dell’anno.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News